Archive for the ‘Bufale Sinistre’ category

Latine Loquere…

21 ottobre 2011

________________________________________________________________________________

Nel Bel Paese, pur di attaccare Berlusconi, finisce nel ridicolo anche la Lingua dei nostri gloriosi e dimenticati Avi. Passi la gaffe della elegante e colta Finocchiaro, ma l’Idv che fa Lezioni di Latino quando i suoi Leaders parlano a stento l’Italiano, è davvero troppo…

_______________________________________________________________________________

“Quousque tandem abutere, Catilina, patentiam nostra?”, dice Anna Finocchiaro. «Quando ci si fa prendere dalla foga da maestrina della penna rossa si finisce per abusare non della pazienza ma del latino». Infatti «abutere» regge l’ablativo («patientia» e non «patientiam»). Interviene Maurizio Gasparri. Nulla di grave. La “scioffola” capita a tutti. Divertente che il tamarro e ignorante Gasparri (secondo l’iconografia di Blob e di Rai3) riprenda la Finocchiaro, icona della superiorità Culturale della Sinistra perchè bella, elegante e perdipiù Comunista ed ex- Magistrato.

«Sic transit gloria mundi», dice Silvio Berlusconi appena ricevuta la notizia dell’uccisione di Muammar Gheddafi. Apriti cielo! Si scatenano i noti esponenti dell’Accademia della Crusca dell’IdV, noti Dottori in Italiano, latino e soprattutto Giurisprudenza. Il solito prezzemolino nonchè, purtroppo, nostro conterraneo, Felice Belisario si lancia in una interessante versione dal latino al berlusconiano all’italianodeivalorese, del pensiero di Silvio. Ma è il fine latinista e fine giurista Massimo Donadi, che interviene più autorevolmente per vergare di blu le parole del premier. “Cosa c’entra la gloria con lo spietato dittatore Gheddafi?”. E’ già un risultato che Donadi non abbia detto “Che c’azzecca?”…

Bookmark and Share

Annunci

Prima comica conseguenza del SI: l’Italia rinuncia al Nucleare, il Giappone no…

14 giugno 2011

_________________________________________________________________________________________________

Un Terremoto del 9° della Scala Ricther devasta il Giappone e causa uno dei più impressionanti Tsunami della Storia. Come conseguenza diretta della catastrofe l’Italia abbandona il Nucleare, il Giappone no. Non è uno scherzo ma solo una delle prime comiche conseguenze del disastroso risultato elettorale del Referendum…

________________________________________________________________________________________________

Lo Tsunami ha definitivamente travolto lo sviluppo dell’Energia Nucleare in Italia, e forse anche il Governo. Ma in Giappone sembra proprio di no. Sembra uno scherzo, invece è tutto vero. Mentre noi ci suicidiamo economicamente lasciando che un Referendum tanto truffaldino quanto pericoloso possa compromettere lo sviluppo del nostro Paese nei prossimi decenni, il Giappone invece continua sulla strada del Nucleare.

“…il ministro nipponico dell’Economia, il Commercio e l’Industria Banri Kaieda ha dichiarato che l’energia nucleare rimarrà senza dubbio una delle principali fonti di approvigionamento energetico del Paese…”

Insomma, il Giappone continuerà a sfruttare le sue Centrali Nucleari, la Germania ha dichiarato che invece le smantellerà, ma nel 2022, e l’Italia continua ad essere circondata da Centrali Nucleari francesi, svizzere perfino croate: stesso rischio ad un prezzo della bolletta più elevato. Eppure c’è chi in piazza festeggiava. Vorremmo tanto sapere perchè…

Bookmark and Share

Il 2 Giugno secondo Il Corriere.it

2 giugno 2011

_________________________________________________________________________________________________

Da tempi non sospetti sosteniamo che Il Corriere della Sera e soprattutto il suo Sito Internet, Il Corriere.it, sono diventati solo un pallido ricordo del quotidiano autorevole e moderato che tutti ricordano. Oggi primeggia l’antiberlusconismo  e il pecoreccio. E tanta, comica, disinformazione…

________________________________________________________________________________________________

Oggi Roma ridiventa Caput Mundi. Oggi è la festa di tutti. Oggi è il 2 Giugno, Festa della Repubblica. Secondo voi qual’è la “notizia” più importante che ha scelto Il Corriere.it? Eccovela…la crocerossina bona che Berlusconi guardava allupato, oggi è in seconda fila…nemmeno Barbara D’Urso concepisce scemenze simili.

Da tempo sosteniamo che il Corriere dei Piccoli ha molta più autorevolezza di questo comico quotidiano sponsor di Fini, Casini e dei Poteri Forti e mesto servo della Politica antiberlusconiana del PD. Non sappiamo se questo degrado culturale e politico è sopraggiunto per deficit di bilancio o deficit di cervello. Probabilmente entrambi. Ma l’imbarbarimento, pergiunta molto comico, è sotto gli occhi di tutti…

Bookmark and Share

Il Referendum dei Coglioni…

1 giugno 2011

_________________________________________________________________________________________________

La Sentenza della Cassazione fa a pugni con il Diritto, con la Lingua italiana e soprattutto con il buon senso. Basta l’antiberlusconismo per giustificare questo ennesimo papocchio politico-giudiziario che getta definitivamente nel ridicolo l’Istituto del Referendum Abrogativo?

________________________________________________________________________________________________

Nel nostro Paese esiste l’Istituto del Referendum Abrogativo, cioè la possibilità che ha il Popolo di cancellare una Legge emanata dal Parlamento. E già qui sorgono alcuni problemi, perchè per dire no devi votare SI, e viceversa. Nel caso del Referendum che si terrà il prossimo 12 e 13 Giugno, chi non vuole il Nucleare deve votare SI, chi invece è favorevole deve votare NO. Anzi, dovrebbe, perchè nel frattempo è successo un pò di tutto.

Per fortuna (…) degli italiani interviene la Cassazione, e decide che il Referendum si terrà, anche se nel frattempo la Legge è cambiata. Ora,  per dire no bisogna, stavolta, votare davvero NO mentre per dire si bisogna votare SI. Tutto chiaro?

Si, proprio così, perchè stando a quello che rivelano i maggiori quotidiani italiani la Cassazione ha deciso in una storica Sentenza che oggetto del Referendum saranno i Commi 1 ed 8 dell’Articolo 5 del Testo del decreto-legge convertito dalla Camera il 25 maggio 2011. Il primo stabilisce che in Italia non si istalleranno Centrali Nucleari, il secondo dice che l’Italia investirà in politiche di ricerca e sviluppo sostenibile in tema di Energia in accordo con gli altri Paesi Europei.

Quindi chi non vuole il Nucleare non deve assolutamente abrogare questi due Commi e quindi dovrà votare NO, mentre chi come noi è a favore dell’atomo deve votare SI a meno che il Diritto, la logica e la Lingua italiana non siano nel frattempo cambiati sull’onda del “vento nuovo” che soffia in tutta Italia…

Bookmark and Share

Delirio Travaglio: Strauss Kahn? Peggio Berlusconi…

18 maggio 2011

______________________________________________________________________________________________
Il Candidato alle presidenziali Socialista Francesi nonchè Presidente del FIM, Dominique Strass Khan accusato di stupro? Comunque meglio di Berlusconi. Parola di Marco Travaglio…
______________________________________________________________________________________________

Ho avuto il coraggio di ascoltare Passaparola di Marco Travaglio. Ho pietà per lui e per chi lo ascolta. Delirio (nel vero senso della parola). Strauss Khan? E’ molto peggio Berlusconi. Un monologo, lento, barboso, da ignorante del Diritto e del Giornalismo. Incredibile.

E poi, un autogol: ammette che in Francia esiste il “Lodo Alfano, ma, sostiene il neo luminare di Diritto Costituzionale Comparato, che non vale per il Caso Ruby. Una marea di banalità e stupidaggini che dimostrano quanto quest’uomo sia solo un sopravvalutato in Diretta ogni Giovedì sera sulla TV pubblica. Ragazzi, se voi ascoltate simili cose, siete da manicomio. Caro Travaglio, curati: sei al livello di quando io ero alle Elementari e ricordati (e ricordalo ai tuoi poveri fans) che un pluricondannato (prescritto)  per diffamazione come te, all’Estero, non avrebbe potuto fare il “giornalista”

E poi le Immunità, caro “paraculo-paracarro” Travaglio, spiegale a De Magistris…

p.s. caro Beppe Grillo, prendi le distanze che ti conviene…

p.s. 2 bellissimo il “trucco” Berlusconiano della biblioteca alle spalle per  dire “io sono un intellettuale”…in realtà è tutta una messinscena: Travaglio ha lacune imbarazzanti non solo in Italiano, ma anche nelle Materie che pretende, come De Magistris e Di Pietro, di spiegare, maldestramente, agli altri…

Bookmark and Share

Sciacalli Radioattivi

12 marzo 2011

______________________________________________________________________________________________
Con macabro tempismo riparte la campagna antinuclearista. Gli sciacalli ambientalisti prendono spunto dall’immane tragedia nipponica per attaccare il progetto di ritorno al Nucleare dell’Italia. Una prova non solo di scarsa moraltà ma anche di impressionante impreparazione…
______________________________________________________________________________________________

L’incidente alla Centrale Nucleare di Fukushima diventa il pretesto dei soliti sciacalli radioattivi e sedicenti ambientalisti per speculare sul programma Nucleare italiano. Davvero una prova non solo di scarso senso della decenza, ma anche di scarsa preparazione dei troppi “esperti” ambientalisti che hanno ridotto con le loro sciocchezze pseudo-scientifiche il nostro Paese a miglior acquirente di energia (nucleare!) dalla Francia.

Il Terremoto che ha sconvolto il Giappone è uno dei più grandi, se non il più grande, mai registrato dall’uomo sul nostro Pianeta. Un evento di proporzioni apocalittiche, non un normale terremoto. L’asse terrestre, per capirci, si è spostato di quasi 10 cm. Stiamo parlando cioè di meccaniche planetarie, di una forza della natura contro cui l’uomo non può (e non potrà mai) fare nulla. Lo Tsunami che si è scatenato subito dopo è forse il più imponente della Storia del Giappone. E nonostante questo il Giappone ha resistito perchè è un Paese avanzato ed abituato alle  catastrofi, Centrali Nucleari comprese, con cui il Giappone convive senza problemi da decenni e grazie alle quali è diventato una superpotenza economica in grado appunto di gestire anche catastrofi epocali come questa. E’ difficile che al TG3 arrivino a capire l’immensità della forza scatenata dalla Natura, infatti anche loro hanno aperto il loro tiggì sul Nucleare, mica sul Terremoto o sullo Tsunami più grandi della Storia dell’Uomo…

Nonostante questo gli “ambientalisti” dicono che non bisogna costruire Centrali perchè il rischio di un incidente simile è troppo alto. Ora, un porto moderno e grandissimo è stato completamente distrutto: non bisogna costruire più porti? Traghetti, e treni superveloci sono stati travolti. Togliamo via anche la TAV? Una intera cittadina costiera è stata completamente sommersa: evacuare immediatamente Bari, Napoli o Genova? Una diga enorme ed assolutamente moderna è crollata. Non ne costruiamo piu? Davvero si rimane sconcertati di fronte ai bislacchi ragionamenti di questi personaggi.

Per fare un esempio ancora più calzante perchè si avvicina molto alle dimensioni della tragedia in termini di energia scatenata dall’evento sismico e dallo Tsunami conseguente, è come dire che non bisogna costruire Centrali Nucleari perchè un asteroide potrebbe cadere proprio sopra di esse diffondendo radioattività.

“Ricordati che devi morire”, questo è il loro livello culturale e scientifico. Noi facciamo gli scongiuri e pensiamo che il Paese debba andare avanti con la consapevolezza di dover combattere una guerra persa in partenza non solo contro la Natura, ma anche contro l’ottusità dei cosiddetti esperti ambientalisti…

Bookmark and Share

La Macchina del Fango anti-Cav: dopo Bocchino spunta Bucchino

25 febbraio 2011

______________________________________________________________________________________________

Fallita la spallata riparte la Macchina del Fango. Ancora accuse ed insulti al PdL ed ai Responsabili, ma le prove non ci sono. Solo parole. Ma Casini, Bersani e Di Pietro ed il solito Fini, già sbraitano. Tanto anche questo “processo” si farà in televisione e sui giornali…

____________________________________________________________________________________________

Ci risiamo. Dopo Fini e Bocchino che dalla mattina alla sera insultano quelli che non la pensano come loro accusandoli di essere dei “venduti” adesso ci si mette in mezzo anche un tale Gino Bucchino ad accusare, rigorosamente senza prove, ma in conferenza stampa, un fantomatico quanto improbabile tentativo di corruzione da lui subito. Infatti anche a leggere le sue dichiarazioni non è che la situazione è tanto chiara…

“Ciao Gino, ho un progetto importante di cui parlarti…”. Il fatto che mi desse del tu – spiega il deputato del Pd – mi ha spiazzato. Ho pensato magari lo conoscerò e così ho accettato di incontrarlo il giorno dopo». «La persona che mi ha contattato – ci tiene a precisare il parlamentare – mi ha detto di essere di Rifondazione socialista e di aver parlato fino a poco prima con Denis Verdini e che dunque per il mio passaggio nelle file della maggioranza era tutto a posto. Mi hanno offerto di ricandidarmi per la prossima legislatura e mi hanno promesso 150 mila euro a titolo di rimborso delle spese elettorali che avrei dovuto sostenere…”

Un fantomatico personaggio di Rifondazione Socialista a nome di Denis Verdini. Davvero convincente. Da chi è stato avvicinato? Non lo sa bene neanche lui. Poteva essere anche un cialtrone qualunque. Che prove hai? Qualche SmS sul cellulare. Prova schiacciante, non c’è che dire. In ogni caso, l’ennesima bufala mediatica della Macchina, anzi del Polo del Fango, è servita. Casini dice di avere altri esempi, Bersani che si è passato il limite. Benissimo. Ma cari amici, le chiacchiere non bastano. Ma andate, di grazia, in Tribunale a sporgere regolare denuncia. Non a fare conferenze stampa senza prove…

Bookmark and Share