Le nostre ragioni, sono oggi le stesse di ieri…

Senza nome 1

_________________________________________________________________________________________________________________________________

La farsa si sposta in Parlamento. Come se in un Paese dove non c’è terzietà dei Magistrati, e quindi Giustizia giusta,  nei Tribunali, ci si può aspettare serenità di giudizio da parte di Politici militanti anti Cav da decenni. Le nostre ragioni sono le stesse dal ’92 ad oggi, come quelle domande a cui o non si sa o, peggio, non si vuole rispondere…

_________________________________________________________________________________________________________________________________

Lasciamo perdere la farsa mediatica che si sta consumando in queste ore presso la Giunta per le elezioni e le immunità del Senato. Come se la questione fosse davvero la decadenza di Berlusconi da Senatore. Per favore, siamo seri. Nelle ultime Settimane stiamo assistendo solo all’ultimo atto di una “anomalia” iniziata più di vent’anni fa e che nessuno, nemmeno il Centro Destra quando  è stato al Governo, è stato capace prima di spiegare e poi tentare di sanare.

Facciamo allora parlare direttamente i protagonisti, di ieri e di oggi, di questa anomalia italiana che ha irrimediabilmente falsato ed avvelenato la Politica italiana.

“…quel 23 luglio Gardini avrebbe dovuto raccontarmi tutto: a chi aveva consegnato il miliardo di lire che aveva portato a Botteghe Oscure, sede del Pci…” ha recentemente rivelato Antonio Di Pietro, protagonista indiscusso degli anni di  Tangentopoli. Gardini si sparò un colpo in testa. Anche se era accertato che il PCI aveva preso le stesse Tangenti che avevano preso la DC o il PSI, nessun dirigente dell’epoca fu indagato ed esposto al pubblico ludibrio come invece capitò a Forlani o Craxi. “…non ci fecero varcare quella soglia…” aggiunse sempre il buon Tonino. Perchè perdi-pietro entrare a Botteghe Oscure si bussava e si chiedeva il permesso mentre per entrare nelle sedi della DC o del PSI si buttava giù direttamente la porta? Risponda a questo Di Pietro: “Il suo autista Leo Porcari mi aveva raccontato di averlo lasciato all’ingresso del quartier generale comunista, ma non aveva saputo dirmi in quale ufficio era salito, se al secondo o al quarto piano: me lo sarei fatto dire da Gardini”. Quindi nel PCI tutti “potevano non sapere” perchè i Magistrati-Super Eroi del Pool Mani Pulite che rivoltavano l’Italia “come un calzino”, per dirla alla Borrelli, non sapevano A CHE PIANO era salito l’autista di Gardini? Credibilissimo! Assolutamente brillante! Non sappiamo se dobbiamo ridere o piangere ricordando il clima di quegli anni dove per un nonnulla (e comunque per molto meno) si veniva trascinati in manette davanti ai giornalisti. Risultato? Nessuno del PCI fu mai indagato e di fatto (compreso l’episodio incredibile della emarginazione dal Pool Mani Pulite del PM Tiziana Parenti titolare del filone Tangenti al PCI sulla quale Borrelli disse incredibilmente “non è in linea con il resto del Pool”! In linea? E con cosa?!) il Partito Comunista fu salvato dalla gogna mediatico-giudiziaria che infangò tutti gli altri.

E cosa dire del Magistrato Clementina Forleo? “Indagare sulla Destra va bene, ma se cambi Caimano ti fai male”. Le clementina-forleo-02sfortunate vicende della paladina giustizialista, rea di voler trattare la Sinistra allo stesso modo della Destra, sono ben note ma sono state ben presto dimenticate soprattutto dagli informatissimi elettori del PD e di SEL. “Si sono toccati i fili che fanno morire. Perché fino a quando s’era attaccato il nemico della magistratura, il nemico di destra, era andato tutto bene. Avevo avuto la solidarietà. La Magistratura era stata compatta nel proteggere il Giudice Forleo. Poi, quando spunteranno caimani d’altro colore, tutti si dilegueranno”. Anche qui, perchè nessuno fa altre domande? Perchè nessun giornalista e nessun Magistrato vuole approfondire queste amare riflessioni del Giudice che avrebbe messo seriamente nei guai il PD (e soprattutto il pluri-prescritto D’Alema) e che per questo fu allontanato dal suo ufficio? Ma continuiamo…

“Che Berlusconi abbia avuto un’innumerevole serie di procedimenti giudiziari che, magari altri imprenditori non hanno avuto pur facendo le stesse cose di Berlusconi, questo e’ un fatto oggettivo”. Accidenti! Commentate questa affermazione di Ghedini? Alfano? No…Luigi De Magistris! Altro Magistrato, altro antiberlusconiano doc. Altra persona che fa una semplice constatazione di una incredibile quanto grottesca situazione. Continuiamo a tenere occhi, bocca ed orecchie chiuse? Bene…

Un personaggio che ultimamente ci sta facendo sognare è Antonio Ingroia. Al quale riconosciamo però una qualità: è una persona sincera e per nulla ipocrita“Sì, è vero. È stato fatto un uso politico delle intercettazioni, ma questo è stato l’effetto relativo, la causa è che non si è mai fatta pulizia nel mondo della politica”. Più chiaro di così.images Anche qui: perchè il CSM non dice nulla? Perchè non solo l’ANM ma anche il Parlamento non chiedon7782c09752496265; wp-saving-postili e gravissime affermazioni di un Magistrato vengono fatte nella più totale indifferenza dei “giornaloni” e dei professoroni della sedicente Italia migliore?

Come non citare l’incredibile Tribunale di Bari, dove, tra le tante anomalie, troviamo un Vendola che recita nella pièce teatrale del Giudice che lo ha prosciolto oppure che va a pranzo con il Giudice che lo ha assolto? Si, è vero, questi ultimi due episodi sono citati solo come nota di colore visti i personaggi ma anche qui è degna di nota la totale assenza di una qualsiasi richiesta di spiegazioni da parte del CSM o dell’ANM. Tutto normale…

Il Gran Finale spetta al mitico Mirello Crisafulli, ex Senatore del PD che uscito indenne da una inchiesta per Mafia maldestramente confessava: “Parliamoci chiaro: se ero di Forza Italia già a Guantanamo mi avevano rinchiuso!”. Non credo che occorra aggiungere altro…

Una Giustizia a due velocità, che tratta gli stessi Reati e le stesse notizie di Reato in modo diverso a seconda della tessera politica dell’indagato o inquisito o della convenienza politica di una parte rispetto all’altra. Di questo, da più di vent’anni, stiamo parlando. Su questo non abbiamo mai avuto risposte a parte le solite dichiarazioni tanto banali quanto ipocrite dei vari Cuperlo o Damiano sulla “Legge che è uguale per tutti” e soprattutto “per chi viene Eletto”. La Giunta del Senato continui pure a “lavorare senza farsi influenzare”. Tanto negli ultimi vent’anni non è la prima sciocchezza che ci è toccato sentir dire. E non crediamo sarà l’ultima…

Annunci
Explore posts in the same categories: Italia

2 commenti su “Le nostre ragioni, sono oggi le stesse di ieri…”


  1. […] giudiziaria!) è li a dimostrare che non è proprio così, e che l’anomalia è palesemente un’ altra, ma a loro non […]

  2. Nexus Says:

    Il nostro dovere è quello di tenere vivo il ricordo e la storia di queste VERGOGNE nei decenni a venire, perché i libri scolastici racconteranno tutta un’altra storia.
    Alle medie sul libro di storia c’era scritto che il comunismo in unione sovietica aveva fatto progredire l’umanità…


I commenti sono chiusi.


%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: