Monti prima imposto dalla UE, adesso imposto dalla Magistratura…

_______________________________________________________________________________________________________

Le vicende oscure e grottesche che hanno portato Mario Monti al Governo sono diventate più chiare quando gli italiani hanno cominciato a vedere gli effetti della “sobrietà” e della “credibilità” nei loro portafogli. Chi governa davvero in Italia? Possono davvero gli italiani dire di vivere in uno Stato Sovrano oppure la Democrazia sta lentamente diventando un accessorio superfluo grazie all’azione congiunta dei Poteri Forti stranieri e della forse inconsapevole Magistratura?

_______________________________________________________________________________________________________

L’imbroglio dello Spread attraverso il quale la UE ha imposto determinate scelte al Paese non deve essere nemmeno più spiegato, e nemmeno più è  un segreto o una opinione. E’ una semplice constatazione. Dopo tre anni di character assassination, la UE si è sbarazzata dell’euroscettico Berlusconi per sostituirlo con un fratello architetto di questo Eurodisastro. Dopo Ciampi e Prodi, Mario Monti è l’italiano più amato dalle grande finanza speculativa anglo-americana e dalle grandi burocrazie della UE. Che spettacolo.

La confessione del  vicepresidente della Commissione Bilancio del Senato durante l’ultimo governo Berlusconi, Massimo Garavaglia aggiunge solo ulteriori particolari a quello che chi vi scrive sospetta e descrive da anni. La UE, diretta non dalla ridicola assemblea eletta dai Popoli, ma da una ristretta cerchia di oscuri personaggi semi-sconosciuti autonominatisi curatori fallimentari dell’Europa degli Stati nazionali, ha deciso che il Governo eletto democraticamente dal Popolo italiano, e che era sospettato di non seguire alla lettera le direttive della Commissione e della BCE (della Trilateral Commission, della Goldman Sachs e del Bildberg Group, ci spiace ragazzi, ma adesso questa non è più fantapolitica o complottismo, ma la dura realtà delle cose), doveva essere cambiato, con ogni mezzo. Come sempre, come negli anni ’90, si fa leva sulla estrema litigiosità della Politica italiana e sulla smania di protagonismo della Magistratura politicizzata. Scandali, bufale, Spread. Monti viene di fatto imposto dalla UE.

E’ passato un anno. Le politiche del Governo dei Tecnici hanno ulteriormente depresso il Paese e favorito i soliti gruppi della finanza speculativa internazionale. Gli italiani vengono attaccati non solo nel loro portafogli, ma cosa ben più grave, nella loro cultura, nelle loro tradizioni e nel loro “essere” italiani. Attacco alla casa, alla famiglia, alla cittadinanza, al patrimonio pubblico e privato, al risparmio. Bella roba. Complimenti ai tecnici. Ma qualcosa sta cambiando. Gli italiani stanchi del commissariamento di fatto del Paese pensano di poter riprendersi in mano la loro vita con le nuove Elezioni politiche oramai all’orizzonte. Votare Renzi, Grillo, di nuovo Berlusconi, Destra, Sinistra, non fa niente. Qualunque cosa ma che sia una decisione del Popolo italiano. Parte la campagna Elettorale, si riprende a parlare di Programmi, di economia e Lavoro, di Politica.

E no, ma che si sono messi in testa questi italiani? Sempre a fare casino, mai tranquilli, indisciplinati come al solito. Parola d’ardine: deve restare Monti. Nessun altro Governo, almeno per il momento, è gradito agli oscuri personaggi di cui sopra. Il modo per far restare o per far “eleggere” Mario monti al Governo è il vecchio metodo che già ha avuto tanto successo con l’operazione Mani Pulite durante Tangentopoli: Il Circuito mediatico-giudiziario attraverso il quale sputtanare ed inquisire i politici non allineati. Parte Regionopoli. Una buffonata in favore di telecamere, un circo pagliaccesco dove i segreti di pulcinella vengono improvvisamente spacciati per gravissimi irregolarità scoperte dalla Magistratura. Il gioco è fatto. Monti di fatto viene imposto dalla Magistratura.

Non c’è alternativa, il Professore (come Prodi! stesso linguaggio, stessa missione!) è l’unica risorsa disponibile, solo lui è credibile di fronte al paese ed all’Estero e via cianciando con i soliti noti già orsi danzanti alla Corte del burattino della Finanza Internazionale. Nel 2012 siamo ritornati al ’92. Clima di terrore, arresti di notte, cronaca giudiziaria al posto dei comizi elettorali, politici non allineati che hanno paura di esporsi, economia la disastro, Paese in svendita, crisi che diventa strutturale, informazione allineata alle Procure, insulti (e carcere!) a chi la pensa diversamente. Che spettacolo…

Explore posts in the same categories: Italia

3 commenti su “Monti prima imposto dalla UE, adesso imposto dalla Magistratura…”


  1. condivido. traggo un post al mio blog. credo non ti opporrai.
    Maralai
    (marionanni)

  2. Antonio Says:

    L’ipocrisia Berlusconiana è sempre a lavoro anche nei giorni festivi..accendo la Tv e sento comiziare il siculo Alfano: “faremo pulizia”…eggià come no, passano appena poche ore e il PDL presenta un emendamento nel pacchetto corruzione che cancellerebbe il reato di illecito amministrativo, tradotto in pane e vino, significa che Fiorito ma anche Penati, ma anche Lusi per citarne solo alcuni, ritornerebbero ad essere puliti e bianchi come i santi nel paradiso…

  3. Nexus Says:

    C’è gente convinta che le elezioni siano inutili, che anzi non bisognerebbe neanche farle perché c’è bisogno solo del prof. Monti !
    Per quanto mi riguarda, preferisco vedere il centrosinistra al governo piuttosto che un altro disgustoso governo Monti. Lui non si candida perché non ha il coraggio di farlo, non è mai stato candidato a niente ma è sempre nominato da qualcuno, perché cambiare ? E’ così comodo !
    Casini e Fini non hanno scelta, entrambi sono costretti a sfruttare l’immagine di Monti per raggiungere il loro scopo: Casini al governo e Fini ancora in Parlamento. Praticamente sostengono un uomo che non si candida, per loro basta dire “Monti”, non serve scrivere un programma ed avere idee.


I commenti sono chiusi.


%d blogger cliccano Mi Piace per questo: