DDL “Anticorruzione”, un regalo ai Magistrati politicizzati…

_______________________________________________________________________________________________________

Ancora una volta i tempi ed i modi delle inchieste sulla corruzione politica in Italia sono sospetti. Con la scusa di Batman il Governo è intenzionato a mettere la Fiducia sul DDL cosidetto “Anticorruzione” che darà ulteriori poteri a Magistrati ed ai giornalisti allineati. Come Mani Pulite, più che una “rivoluzione” del popolo e della Giustizia sembra una “operazione” studiata a tavolino per commissariare, stavolta per sempre, la Politica italiana…

_______________________________________________________________________________________________________

Un paio di anni fa eravamo in pieno scandalo corruzione nella Puglia di Vendola. Eppure, nonostante quello scandalo fosse di gran lunga più importante delle spesa pazze alla regione Lazio, nessuno parlò di Pugliagate o di “emergenza” corruzione. Anzi, alla fine si concluse che Vendola “poteva non sapere”…e buonanotte Madama la Marchesa.

Oggi, improvvisamente, si apre Regionopoli (attenzione, anche la terminologia usata dalla grande informazione è significativa) e si moltiplicano le inchieste miranti a mostrare gli sperperi di danaro pubblico, peraltro esistenti da decenni, delle varie Amministrazioni Locali italiane, si parla di emergenza e si invoca un intervento risolutore e moralizzatore del Governo e della Magistratura contro le titubanze del Parlamento, l’informazione sedicente con la schiena dritta dipinge i politici che manifestano timide perplessità come collusi, ignoranti o veri e propri ladroni…

Noi non ci stiamo e chiediamo innanzitutto di non votare il DDL, di non cedere di fronte alle intimidazioni della solita stampa ed informazione filo Procure e di rivendicare il sacrosanto diritto non solo del Parlamento, ma di tutti i cittadini a non essere d’accordo con quanto si sta per votare, senza dover temere di essere additati al pubblico ludibrio come ladri o malfattori.

Il DDL in questione è una bufala. E’ un boomerang per l’intero Paese come lo è stato Mani Pulite. Perchè? Perchè si basa su di un assunto falso. Il DDL, che concede ancora più poteri, di fatto, ai Magistrati, si basa sull’assunto che in Italia la Giustizia è rapida, equilibrata e super-partes. Purtroppo è vero l’esatto contrario. In Italia la Giustizia è la più lenta del Mondo, la più spostata a favore dell’accusa e formata dai Magistrati più politicizzati del Mondo Occidentale. Orbene un DDL come questo, spacciato per tecnico diventa solo un regalo a Magistrati e giornalisti allineati alle Procure che avranno ancora più armi per sputtanare i Politici a loro antipatici e per tenere a bada quelli a loro simpatici.

Si darà ancora più potere ad una Magistratura che indaga un Politico, gli rovina la carriera (e forse anche la vita) per poi dichiararlo innocente ma 15 anni dopo. Darà ancora più mezzi ai Travaglio qualunque ed alle Gabanelli della Domenica per sputtanare un Politico a loro antipatico per renderlo impresentabile all’opinione pubblica e magari costringerlo alle Dimissioni, tanto poi il Processo come va va, e chissenefrega!

Un DDL come questo postula l’esistenza di una Giustizia che funziona e non di una Politica alla mercè della Magistratura come quella che c’è in Italia da più di vent’anni. Prima la Riforma della Giustizia  e prima un nuovo Codice Deontologico per i Giornalisti ed una Legge sulle Intercettazioni e sulla loro pubblicazione, e poi un DDL come questo. Spiace che il Guardasigilli “tecnico e di respiro liberale e garantista” che il PDL ha sostenuto fin’ora non si renda conto del disastro che sta causando perchè dopo ci saranno solo le monetine, ed a lanciarle saranno i Batman di domani.

Explore posts in the same categories: (In)Giustizia

5 commenti su “DDL “Anticorruzione”, un regalo ai Magistrati politicizzati…”

  1. Antonio Says:

    anche la favola berlusconiana della giustizia italiana lenta è una menzogna grande come una montagna, il fatto che questa menzogna venga ripetuta dal mainestrem berlusconiano in continuazione rimane comunque una menzogna. Faccio un esempio: l’osservatorio europeo (organismo attiguo alla corte di strasburgo ha redatto una tabella che in base al numero degli abitanti, delle al numero dei processi e delle sentenze, al numero dei magistrati per abitanti annovera la giustizia italiana tra i primi paesi della U.E. per quantità di lavoro prodotto dalle procure italiane. Affermare come fa Berlusconi e il meinestrem di casa Arcore che la giustizia italiana è lenta e farraginosa perchè i magistrati lavorano solo 2 h al giorno ( Brunetta) è una falsità allo stato solido, ma sappiamo quali e quante sono le ragioni che spingono berlusconi a sostenere questa falsità ripetuta.

  2. Antonio Says:

    il berlusconiano ragiona sempre al contrario…faccio un esempio: Fiorito RUBA E SPANDE DENARO PUBBLICO? LA COLPA è DELLA MAGISTRATURA. Sono 20 anni che giustificano i ladri…la finiranno una buona volta? mah…..chi nasce quadrato non muore tondo, (dice il saggio).

  3. Nexus Says:

    Hanno chiamato “Salva-Italia” una manovra che ha affossato l’economia italiana (tasse), adesso con una raffinata tecnica mediatica si apprestano a chiamare “Anticorruzione” una legge che toglie la sovranità al popolo per darla ai magistrati, oltretutto senza restituire al Parlamento l’indipendenza dalla magistratura che gli è stata negata 20 anni fa con una sciagurata modifica costituzionale.

  4. Fort Says:

    “.. non di una Giustizia alla mercè della Politica..”

    Direi il contrario, a mio modesto avviso.


I commenti sono chiusi.


%d blogger cliccano Mi Piace per questo: