Suggerimenti (non richiesti) per l’ennesima “discesa in campo”….

Fa bene Berlusconi a ridiscendere in campo. Dopo qualche Mese dalle dimissioni forzate, è sotto gli occhi di tutti che il cuore della crisi è la UE e non era l’Italia. Spread alle stelle, crisi infinita, disoccupazione e fallimenti di imprese. Finita l’ipocrisia della “sobrietà” ritorna la Politica e l’unico attore indipendente è proprio il Cavaliere…

Alla fine, come noi diciamo da sempre, il Tempo è Galantuomo. Il “Processo Ruby” si è irreversibilemente avviato sul binario della farsa, e la crisi economica “colpa del Cavaliere” è la barzelletta peggio raccontata ai tempi della UE. Inutile dilungarci su questi temi per sfottere, simpaticamente, i poco simpatici ed obbiettivi anti-berlusconiani d’Italia. Sarebbe tempo perso e di tempo davvero non ce n’è…

Diamo, nel nostro piccolo, alcuni suggerimenti ed indicazioni per i Mesi prossimi a venire che si preannunciano davvero divertenti per quelli come noi…

Innanzitutto bisogna rimarcare la prima cosa: la ridiscesa in Campo di Berlusconi è sintomo di mancanza di Leaders veri nella Destra, nel Centro e nella Sinistra. Ovviamente gli antiberlsconiani da operetta possono, finalmente, riprendere il loro sport preferito: insultare, ironizzare, fare battute su Berlusconi. Senza capire di esserne, loro, i veri “dipendenti”. La ridiscesa in capo di Berlusconi è una sconfitta per tutti, Centro, Destra e Sinistra, perchè significa che ad oggi un nuovo Leader italiano non c’è. Forse Grillo. Un Comico. Appunto. E chi deve riderne, noi berlusconiani o le persone dell Destra, del Centro o della Sinistra? Dove sono i vostri Leaders? Dove sono i vostri programmi? Che bella figura…

Ma cosa dovrebbe fare il Cavaliere stavolta? Noi lo diciamo da tempo, e lo ripetiamo volentieri sperando che qualcuno ci dia ascolto.

Primo: evitare di circondarsi di idioti. Un difetto del Cavaliere è sempre stato quello di essere un grande che ama circondarsi di cretini. Ritorni ad essere cattivo con i suoi collaboratori più stretti. Non serve essere vecchi o giovani, belli o brutti. Basta non essere servili o sciocchi. Buoni consiglieri senza guardare improbabili curricula, ma solo senso di appartenenza alle idee e programmi del Partito. A proprosito: che Partito?

Secondo: basta ad alleanze a tutti i costi “per battere la Sinistra”Capitolo triste ma doveroso da sottolineare. basta allearsi con Casini, Fini e Maroni. Andare da soli alle Elezioni senza avere paura di perdere. Primo perchè saranno gli italiani a decidere, e se davvero vorranno Bersani, Grillo, Di Pietro, Vendola come Ministri, peggio per loro. Secondo perchè la Coerenza fa la differenza nella Politica attuale e non le giravolte ribaltoniste della Prima Repubblica dove si trovano a proprio agio i Pisanu, i Fini, i Casini, i D’Alema e via discorrendo. Basta alleanze a tutti i costi.

Terzo: svoltare a Destra. Essere fedeli al Programma con il quale si viene eletti. Volete sapere l’unico vero difetto del Centro-Destra? Quello di essere molto Centro e pochissimo Destra. Siamo stufi, ripeto STUFI, di votare per Maggioranze di Destra che, magicamente, in Parlamento si trasformano in Maggioranze di Centro ed in qualche caso addirittura di Centro-Sinistra. In Italia c’è voglia di Destra. Assecondare non solo a parole ma anche nei fatti questo desiderio.

Questa la ricetta più semplice per essere apprezzati dal Corpo Elettorale. Non è difficile a patto di crederci e di esserlo davvero. Altrimenti lasciate perdere…

Explore posts in the same categories: Italia

One Comment su “Suggerimenti (non richiesti) per l’ennesima “discesa in campo”….”

  1. Nexus Says:

    Condivisibili i tre punti, il primo è il più urgente in vista del programma elettorale !


I commenti sono chiusi.


%d blogger cliccano Mi Piace per questo: