Un Paese normalizzato

_____________________________________________________________________________________________

Contestare il Premier non fa più notizia. Non condividere le scelte di un qualunque Ministro diventa disfattismo. L’Italia di Monti e Napolitano è un Paese normalizzato in nome della UE.  Ieri le proteste erano sintomo di malessere sociale, oggi solo l’opinione di quattro gatti che non meritano più le prime pagine. E per risolvere il Conflitto di Interessi basta la parola…

_____________________________________________________________________________________________

Italia. Ieri. Il Premier partecipa ad una manifestazione del suo Partito con centinaia di sostenitori. 10, al massimo 15 persone lo insultano e lo contestano. Titolo di quasi tutti i giornali del giorno dopo: “Crisi economica, Premier contestato”. Interviste, servizi fotografici, collegamenti del TG3, gli eroici rappresentati della gente invitati da Santoro.

Italia. Oggi. Il Premier partecipa ad una importante manifestazione pubblica. 10, al massimo 15 persone lo insultano e lo contestano. Qualcuno tira qualcosa. Titolo di quasi tutti i giornali del giorno dopo: “Il premier alla Scala con Napolitano. La gente grida Viva il Presidente!”. Interviste sul Don Giovanni, servizi fotografici sulla sobria serata culturale, collegamenti del TG3, si discute del look spartano dei sottosegretari.

Un Paese normalizzato. Un Paese che improvvisamente la smette di mostrare in diretta ed in mondovisione le manie suicide di alcune grette minoranze, come le stronzate di qualche “pentito”. Un Paese che in nome dell’Euro ha deciso che un Premier, per quanto non eletto, merita rispetto non solo da parte della gente, ma soprattutto da parte della cosiddetta libera informazione. Rispetto e verità. Da oggi vengono prima i fatti e poi i pettegolezzi.

Italia. ieri. Il Conflitto di Interessi. Una parola magica che per almeno 17 anni ha scaldato di rabbia i cuori di una buona parte del Paese. Una vergogna nazionale da denunciare sempre e comunque. Il tratto distintivo dell’italica diversità, in peggio, rispetto agli altri paesi europei.

Italia. Oggi. Il Conflitto di Interessi. Una casualità se a governare è chiamato qualcuno, seppur non eletto, che alle sue spalle ha già una storia professionale lunga e piena di successi. Segno piuttosto di fattiva operosità e di esperienza da mettere al servizio del Paese. Risolta, senza tanti drammi, dal giuramento pronunciato davanti al nostro Presidente della Repubblica.

Da anni ci spiegano che l’Italia non è un Paese normale. per colpa del Cavaliere e per colpa nostra che lo abbiamo sostenuto. Oggi la situazione è finalmente cambiata. In Peggio. Viviamo da un mese in un Paese normalizzato. Dove fanno notizia il pianto del Ministro, la battuta salace del Premier, gli elogi ottocenteschi a Napolitano. Un Presidente che, tra l’altro, ha risolto anche il Conflitto di Interessi. Basta la parola. Come in uno spot. A patto che a recitare non sia il Cavaliere…

Bookmark and Share

Explore posts in the same categories: Italia

%d blogger cliccano Mi Piace per questo: