Già vi manco?

_____________________________________________________________________________________________

La euro-stangata di Monti scontenta tutti mentre mezza Italia, senza Cavaliere, si ritrova a corto di idee. L’epoca di Berlusconi si conclude con la crisi dell’antiberlusconismo ben rappresentata dall’inutile show di Benigni da Fiorello…

_____________________________________________________________________________________________

C’è Crisi. Soprattutto di idee. Come da noi ripetuto centinaia di volte, è stato l’antiberlusconismo la vera palla al piede del Paese in questi ultimi 17 anni. Le dimissioni di Berlusconi sono arrivate per sfinimento, dopo una campagna di delegittimazione durata anni. Ma in tutto questo tempo nella Politica italiana e nella cosidetta società civile (spesso decisamente incivile) non si è preparato uno straccio di alternativa, di Sinistra, di Centro o di Destra, al Cavaliere. Questo l’errore e la grave colpa storica dell’antiberlusconismo che sta pagando tutto il Paese.

Gli italiani adesso sono spaesati più che arrabbiati, sono storditi più che indignati. Era facile dare addosso al Cavaliere per ogni piccola o grande difficoltà che c’era da affrontare. L’alluvione? E’ colpa di Berlusconi, come il Terremoto. La Crisi del debito Europeo o del Dollaro americano? Colpa del Governo Berlusconi. Basterebbero le sue dimissioni per trasformare non solo l’Italia, ma l’Europa ed il Mondo intero. Quante cazzate si sono sentite specialmente negli ultimi mesi, anche “autorevolmente” commentate da sedicenti esperti economisti o rappresentanti delle Istituzioni. Ebbene, quel momento tanto desiderato è arrivato. Non solo non è cambiato niente, ma improvvisamente tutta l’impreparazione, la presunzione ed in molti casi l’ignoranza degli antiberlusconiani da operetta è sotto gli occhi di tutti.

Oggi l’intera Sinistra sta li a gridare che loro avrebbero fatto un’altra manovra e non certo quella che ci sta propinando Monti. Ma allora, di grazia, perchè Bersani & coop non hanno chiesto le Elezioni, come si è fatto in Spagna, per stravincerle ed andare loro al Governo? Bella domanda dalle molteplici risposte: la prima è che per andare al Governo bisogna metterci la faccia, e quando uno non ce l’ha, o ce l’ha come un altra cosa,  non è che se la può dare. La seconda è che evidentemente i Poteri Forti chiedevano altro e bisognava pur accontentarli. La terza è che non c’è tutta questa sicurezza di vincerle.

Oggi tutti a pagare in silenzio una Manovra che se solo l’avesse proposta Berlusconi avrebbe scatenato rivolte (non spontanee) di piazza. Non è solo la solita ipocrisia, ma anche lo stato confusionale di chi per anni ha creduto che la Politica fosse insultare Berlusconi. Ci spiace per loro, ma la Politica è avere idee ed avere il coraggio di proporle e difenderle. Il triste siparietto di Benigni da Fiorello è lì a dimostrare la pochezza del “nuovo” che avanza. Un Cachet (mai nome fu più azzeccato) da 400mila€ per parlare, appunto, di cacca ed insultare, quasi con nostalgia, il Cavaliere. Un Benigni pronto per il pensionamento visto che non propone nulla di nuovo da almeno 20 anni, come tutti gli antiberlusconiani…

Bookmark and Share

Explore posts in the same categories: Italia

%d blogger cliccano Mi Piace per questo: