Obama gela tutti: un altro Premier? Non serve…

________________________________________________________________________________

Berlusconi non è il problema dell’Italia. Parola di Obama. Sinistra, Casini e Fini gelati dalle parole degli USA. Napolitano che già ha avviato le consultazioni per la formazione di un nuovo Governo rimane spiazzato…

_______________________________________________________________________________

Eppure Berlusconi lo aveva ripetuto più volte. Guardate che in Europa l’Italia è molto meglio considerata di quanto non si dica sulla nostra stampa. La conferma è arrivata ieri. Sia gli USA che la UE hanno approvato il maxiemendamento proposto dal Governo auspicando anzi che venga approvato al più presto.

 “se ci sono cambiamenti di governo non cambiano i problemi del Paese”

Dice Ben Rhodes, uno dei consiglieri di Obama. Alla faccia dei frondisti, dei centristi, dei montisti, dei futuristi, e del Colle. Ma non finisce qua.

“Non si può paragonare l’Italia alla Grecia” Aggiunge il presidente del Consiglio Ue, Herman Van Rompuy, mentre Nicolas Sarkozy si spinge a ricordare a tutti che “Ho fiducia nell’economia italiana che è una delle più forti al mondo, è la terza in Europa e la settima o l’ottava nel mondo, c’è una tradizione imprenditoriale notevole”.

Traduzione per Napolitano. All’Europa interessa che il pacchetto di misure venga approvato perchè l’Italia ha un problema di riforme, non di premiership. Perchè mezzo Governo, mezzo Parlamento, tutta l’informazione ed il Quirinale invece sgambettano per cambiare maggioranza e cambiere Presidente del Consiglio come se questa fossa le priorità del Paese, è una delle tante cose di cui molta gente, Napolitano compreso, si dovrà in futuro vergognare per come si è comportata…

Bookmark and Share

Explore posts in the same categories: Italia

2 commenti su “Obama gela tutti: un altro Premier? Non serve…”

  1. Nexus Says:

    Tanto peggio, tanto meglio è lo slogan dell’opposizione. Casini è proprio la escort della politica (come disse Di Pietro). Dice: “se Berlusconi va via, entriamo noi e governiamo assieme”. Insomma, l’unico che ha vinto le elezioni va defenestrato per far spazio ai perdenti.
    La situazione viene drammatizzata da quasi tutti, in realtà nessuno ricorda che abbiamo la migliore posizione di bilancio d’Europa, con avanzo primario +0,9% e deficit 4,5% (secondo solo a quello della Germania 4,3%) che comunque scende tanto l’anno prossimo e si azzera (o quasi) nel 1013.
    In Francia l’uomo che ride ha disoccupazione più alta e soprattutto deficit quasi al 10%, con il debito/pil al 85% pensa di essere al sicuro ma è finta sicurezza perché le banche francesi hanno una marea di titoli tossici, greci, cartacce varie e sono messi davvero male.
    Il problema italiano è il debito e la bassa crescita, dopo inspiegabili ritardi finalmente il governo fa le riforme che aspettavamo da anni e cosa fanno alcuni eletti nel PDL ? Scappano ! Dicono che vogliono rilanciare l’azione del governo, ma quando Berlusconi li accontenta, loro scappano all’UDC. Penosi.


I commenti sono chiusi.


%d blogger cliccano Mi Piace per questo: