La morte di Gheddafi evita ulteriori imbarazzi all’Occidente…

________________________________________________________________________________

Il Colonnello non si sarebbe mai arreso e non si sarebbe mai consegnato vivo nelle mani delle bande del CNT o della Nato. E le Potenze Occidentali non potevano certo permettersi un Gheddafi all’Aja che spiegava ai Giudici Internazionali ed alla stampa i cordiali ed intimi rapporti intrattenuti fino a pochi mesi fa con Europa e Stati Uniti…

________________________________________________________________________________

Noi lo avevamo detto da subito. La guerra in Libia è stato un azzardo che l’Occidente pagherà caro, anche se non immediatamente. Adesso che la Primavera Araba mostra in Egitto il suo vero volto ci dispiace dire di essere ancora più convinti nel nostro scetticismo. Anche la richiesta della Nato di catturare e processare davanti alla corte dell’Aja il Colonnelo Gheddafi ci era da subito sembrata l’ennesima ed inutile fanfaronata buttata sul piatto della propaganda da parte di Sakozy, Cameron ed Obama.

Ma ve lo immaginate Gheddafi all’Aja mentre parla delle telefonate, dei regali, degli incontri ufficiali ed ufficiosi, delle proposte più o meno indecenti che ha ricevuto negli ultimi dieci anni da parte di Blair, Brown, Cameron, Sarkozy, Berlusconi, Prodi, D’Alema, Bush, Obama e chi più ne ha più ne metta? E secondo voi un Occidente così mal guidato come quello degli ultimi anni avrebbe saputo gestire lo scandalo?

L’unico Gheddafi buono, era il Gheddafi morto. Lo sapevano tutti. Pare sia andata a finire così. Niente esilio, niente resa per un personaggio scomodo che dopo il tradimento dell’Occidente non avrebbe risparmiato ai suoi amici di ieri ed acerrimi nemici di oggi, CNT compreso, frecciate, accuse o vere e proprie chiamate in correità.

Come successe già con Mussolini, frettolosamente “giustiziato” per evitare che riconoscesse, tra i severi Giudici che avrebbero dovuto giudicarlo per le sua terribili malefatte, vecchi amici o addirittura collaboratori. Gheddafi è stato ucciso, l’Occidente può tirare un respiro di sollievo: il Colonnello si porterà tutti i segreti dei suoi nemici di oggi, ma amici fino ad ieri, nella tomba dove riposerà insieme all’ipocrisia specialmente di Francia, Italia, Gran Bretagna ed USA e della cosiddetta “Primavera Libica”

Bookmark and Share

Explore posts in the same categories: Mondo

Tag: ,

Both comments and pings are currently closed.

3 commenti su “La morte di Gheddafi evita ulteriori imbarazzi all’Occidente…”

  1. Nexus Says:

    Che ipocrisie ! Per l’interesse Nazionale io accetto anche gli accordi con i dittatori, visto che non spetta a noi decidere chi deve governare gli altri Stati, ma non si può sentir parlare male di Gheddafi e bene degli attuali governanti libici perché sono ex collaboratori di Gheddafi, a partire dall’ex ministro della giustizia Jalil, oggi a capo del CNT, che di omicidi di massa e torture nelle carceri se ne intende. Anche Jabril è stato un collaboratore di Gheddafi, ricopriva la carica di Presidente dell’Ufficio per lo Sviluppo economico nazionale fino all’inizio del 2011.

  2. Andrea Says:

    accidenti sembra ieri quando il Banana faceva dono a gheddafi di 30 zoccole fresche fresche fatte arrivare direttamente dal seminterrato di Villa San Martino.
    Certo che il Banana fece di tutto per salvare la vita all’amico fraterno ( petrodollari alla mediolanum e alla Arner bank), iniziò spiegando all’addormentato nel bosco Frattini che gheddafi non era il vero presidente della Libia…Frattini credette stesse parlando di qualche altra nipote di qualche altro politico africano

  3. Nexus Says:

    Oggi pare ancora più ridicola la risoluzione ONU che dava il via ai bombardamenti per “proteggere la popolazione civile”. In realtà è stata una guerra vera e propria, anche se Napolitano non lo ammetterà mai.
    Gheddafi ha resistito più di quanto si pensasse, poteva fuggire all’estero ma non l’ha fatto.
    Fanno pena i sinistrati che festeggiano, non per nobili motivi, ma perché per la loro mentalità la morte di Gheddafi è un modo per andare contro Berlusconi.


I commenti sono chiusi.


%d blogger cliccano Mi Piace per questo: