La Corte Costituzionale dirà SI anche questa volta…

________________________________________________________________________________

Ci sono tantissimi dubbi sulla costituzionalità del Referendum “anti-Porcellum”. Ma sarebbe inutile sperare che la Corte faccia valere il Diritto e la Giurisprudenza. Come per il cosidetto Referendum sul Nucleare prevarrà la Politica e l’antiberlusconismo, non la Legge…

_______________________________________________________________________________

Ci si chiede se la Corte Costituzionale dichiarerà ammissibile il Referendum che intende abolire parti dell’attuale Legge Elettorale. Effettivamente, come ben descritto qui, di dubbi ce ne sono parecchi…

“…le possibilità che vengano giudicati inammissibili sono altissime, come riconosciuto da diversi costituzionalisti vicini alla sinistra…”

In effetti le ragioni che spingono verso la inammissibilità appaiono schiaccianti. Ma tocca a noi gelare chi spera che in Italia ancora la Legge sia uguale per tutti e che le Istituzioni siano al servizio dei cittadini al di là delle loro idee politiche. Secondo noi la Corte Costituzionale, contraddicendo se stessa e la Giursprudenza di decenni, dichiarerà ammissibile anche questo Referendum. C’è addirittura un precedente: il Referendum sul Nucleare

Anche allora c’erano tantissimi dubbi. Anche allora stimati Costituzionalisti “di Sinistra” dissero chiaramente che il quesito non aveva più ragione di essere. Anche allora la logica oltre che il Diritto suggerivano la non ammissibilità del Referendum.

«Bisognerebbe votare sulle carte, non sulle intenzioni. E le carte sono chiarissime: tutte le norme sul nucleare sottoposte al quesito referendario sono state abrogate, non ci sono più. Quello che avrebbero dovuto fare i cittadini, l’aveva già fatto il legislatore… Il quesito viene trasferito su norme che non c’entrano nulla con il nucleare»

Così parlava il costituzionalista Augusto Berbera (parlamentare del Pci e del Pds dal 1976 al 1994 e ministro del governo Ciampi). Infatti il quesito Referendario fu ammesso. Come sarà anche stavolta perchè anche stavolta prevarrà l’antiberlusconismo e la voglia di Governo Tecnico, di spallata, e non il rispetto della Costituzione, della Giurisprudenza e della logica…

Bookmark and Share

Explore posts in the same categories: (In)Giustizia

Tag:

Both comments and pings are currently closed.

2 commenti su “La Corte Costituzionale dirà SI anche questa volta…”

  1. Andrea Says:

    Sta di fatto che anche il proporzionale non sposterà niente rispetto al Porcellum, i candidati saranno sempre nominati dalle segreterie di partito, il gioco è diventato troppo serio, i partiti sono anche altro, anzi fondamentalmente altro ( fascia intermedia tra i centri finanziari e la politica recitata) ….ma…mi fa scompisciare l’articolista della Torre (ma questa è un’altra cosa. Roba da matti ma come si fa a dire certe cose, Il nucleare non lo volevano più e avevano cancellato i punti coinvolti…la costituzione specifica bene ; tolti i punti si fa il decreto ..cosa non fatta dai nuclearisti, una subdola furbata un viscido lasciar cadere e attendere tempi migliori. Sul porcellum noto che la “sinistra” di governo ha fatto il pesce in barile per troppo tempo, come per la legge sul conflitto d’interesse tanto di moda nelle campagne elettorali contro berlusconi ma tanto ignorata durante tutta la legislatura. Emerge un dato, la “sinistra” di governo ha voluto IL PORCELLUM come il nucleare stesso e la privatizzazione dell’acqua. “Qualcuno piccona il partito” disse Bersani, già perché i “dirigenti del PDMENOELLE i calcoli se l’erano fatti molto bene: tolto dalle scatole berlusconi il pdl smetterebbe di esistere come potenziale avversario quindi questo santo maledetto PORCELLUM gli serve urgentemente
    GLI ALLOCCHI DI BERLUSCONI talmente miopi non hanno capito il giochino , Berlusconi ha paura di non vincere senza il porcellum, per Bersani invece è solo questione di tempo, poi il Porcellum li porterà al governo dritto dritto. La Torre, da Miope Berlusconiana tira in ballo la costituzionalità del referendum, perché, chiedo, non dovrebbe essere costituzionali, perché un eminente figuro della “sinistra” di governo sostiene il contrario?

  2. Nexus Says:

    Mi sembra ovvio che se si abolisce una legge, tutta o in parte, non torna in vigore quella precedente.
    Ma come sospetti tu, non si sa mai che si riesca a fare anche questa magia.


I commenti sono chiusi.


%d blogger cliccano Mi Piace per questo: