Basta Ipocrisie: il Condono farebbe bene all’Economia oltre che alle casse dello Stato

_______________________________________________________________________________

Il nostro Paese sprofonda, ma nell’ipocrisia. Non si giudicano i governanti per come amministrano ma per come passano le serate. Non si amministra la Giustizia in nome del popolo ma in nome dell’auditel. Non si ragiona sui determinati provvedimenti per quello che realmente sono, ma su quanto sarebbero presentabili  nelle piazze dell’odio e della disinformazione…

______________________________________________________________________________

Quando si (stra)parla di Condono, fiscale o edilizio che sia, emerge in tutta la sua magnificenza la caratteristica dominante dell’Italietta figlia di Mani Pulite, ovvero l’Ipocrisia. Una ipocrisia perdipiù venata da odio e livore politico e che si nutre, come al solito di tanta disinformazione. Bisognerebbe invece smascherare i furbetti del Condonino, travestiti spesso da difensori della Morale e della Legalità.

Perchè il Condono non è uno scandalo? L’Italia ha notoriamente il sistema fiscale più ingiusto, esoso e confuso del Mondo. L’Evasione Fiscale nel nostro Paese non è dovuta al fatto che gli italiani sono per natura disonesti, come tanti anti-italiani sedicenti intellettuali vanno in giro a raccontare all’Estero, ma è causata da una legislazione fiscale incredibilmente complicata oltre che da un livello di tassazione altissimo. Più alte  sono le tasse e più confuse sono le leggi, più alto sarà il livello di evasione e di illegalità. Un concetto semplice che in Italia nessuno capisce. 

Uno Stato che chiede tanto ai suoi imprenditori ed alle sue famiglie e non offre nessun servizio in cambio. Uno Stato che privilegia i grandi e tartassa i piccoli e medi imprenditori. Uno Stato che risponde alle crisi economiche aumentando non solo la pressione fiscale, ma anche i controlli, le multe, gli adempimenti burocratici. Questo è il vero scandalo, non parlare di Condono.

Nella giungla fiscale e legislativa, grazie al Condono centinaia di imprese e di famiglie italiane riuscirebbero ad uscire dall’illegalità (giuridica, ma non morale!) nella quale si trovano spesso non per colpa loro. Le casse dello Stato si riempirebbero e la base imponibile aumenterebbe. Basterebbe mettere paletti e limiti per l’adesione al Condono per evitare che i grandi evasori possano salvarsi. Basta ipocrisie. E’ lo Stato che ha molto da farsi perdonare, non alcuni suoi cittadini in difficoltà.

Ma perchè abbiamo parlato di ipocrisia? Non solo perchè, ripetiamo, è lo Stato che tartassa i suoi cittadini senza giustificazioni, ma perchè gli appelli contro qualsiasi ipotesi di Condono arrivano da pulpiti non molto titolati per farli. Iniziamo dal PdS-DS-PD. Il Partito di Penati, oltre che di Bersani e D’Alema e Veltroni, ha varie volte aderito ai Condoni Fiscali. Nelle piazze si gridava che “il condono favorisce i criminali ed i mafiosi”, in privato si dava mandato ai propri commercialisti di aderirvi. Un caso di autodenuncia? Forse.

“…in prima fila nel popolo dei condonati ci sono proprio quelli che oggi urlano: Bersani e il suo partito, l’Unità in tutte le sue versioni societarie, compresa quella attuale, e perfino la Cgil grazie alle sue società controllate”

La Sinistra aderiva a tutti i Condoni possibili ed immaginabili mentre ne denunciava l’immoralità. Ma non sono gli unici, ovviamente. C’è la moglie di Romano Prodi, la signora Flavia. C’è anche Beppe Grillo

“E anche chi strepita di più contro quste nefandezze, come il presunto leader del popolo anti-casta, Beppe Grillo, in casa sua non ha mancato l’appuntamento con il doppio condono di Tremonti. Beppe, che strepitava contro i “favori agli evasori” fatti con quella legge, nel 2005 insultò la giornalista (Fosca Bincher) che aveva rivelato la storiella”

L’ultima moralista antigovernativa, Emma Marcegaglia, si è pesantemente scagliata contro l’ipotesi di Condono, dimenticando di dire che tra i “furbetti” che ne hanno approfittato c’era anche lei…

“…perché il suo gruppo aziendale nel bilancio del 2002 iscrisse tra gli oneri «l’importo di 9,5 milioni derivante dalla legge 289/02 sul condono”

E pazienza se il “libero” ed “intelligente giornalista-conduttore” Fabio Fazio non le abbia chiesto lumi sulla vicenda. Forse per non fare la fine di Nicola Porro

Bookmark and Share

Explore posts in the same categories: Italia

13 commenti su “Basta Ipocrisie: il Condono farebbe bene all’Economia oltre che alle casse dello Stato”


  1. nexus tu sei un imbecille ma non lo vedi che b.ti prende per il culo?

  2. Andrea Says:

    Le aliquote potrebbero abbassarsi solo a una condizione: ARRESTARE GLI EVASORI FISCALI ( come nella bella America di Di Martino) ..fintantochè il 35% del gettito fiscale sarà nascosto al fisco TUTTI dovranno supplire a tale ammanco,,,,ammenochè non arrivi in Italia la signora Clinton a dirci che sull’assistenza medica NON GARANTITA alle fasce meno abbienti…come in america

    • Nexus Says:

      L’unico modo efficace per abbattere l’evasione è abbassare le tasse, che oltre tutto fa aumentare gettito anche per l’azione di sviluppo all’economia.
      In USA dove la pressione fiscale è al 24% evadere le tasse è un crimine e la gente può andare in galera.
      In Italia dove la pressione fiscale è al 42%, si fa di tutto per favorire l’evasione e mettere la gente in galera sarebbe ingiusto.

  3. Nexus Says:

    In onore del grande Antonio Martino, un’altra sua pillola di saggezza a proposito del fatto che tutte le tasse dirette (irpef, irpeg, irap) nel 2010 hanno reso solo il 14,6% del gettito statale totale:

    “Perché ha reso così poco il nostro sistema tributario? Per una ragione molto semplice. Non è solo l’evasione, che è un reato e va perseguito, ma soprattutto l’elusione e l’erosione, che sono forme perfettamente legali per non pagare le tasse. Chi è già ricco, non sa nemmeno quanto paga di tasse; quello che fa è mettere tutti gli incartamenti nelle mani dello studio tributarista, che troverà diecimila modi per far pagare il meno possibile di tasse, evadendo base imponibile ed eludendo le imposte in modo legale.”
    “Lo studio di Giulio Tremonti, nel solo primo anno di attivita’, fece erodere 600 miliardi di lire di base imponibile, tutto legale. Ma basta che non lo sia piu'”.
    “Le conseguenze distributive sono socialmente inaccettabili, perché i già ricchi restano tali eludendo imposte ed erodendo imponibile, coloro che non riescono a sottrarsi all’avidità del fisco sopportano carichi insostenibili”.
    “Non possiamo permetterci di non cambiare per ragioni di equità sociale (un fisco che fa gli interessi dei ricchi e penalizza il lavoro, il risparmio e gli investimenti è immorale), per ragioni economiche (se continueremo a non crescere non risaneremo un bel niente) e per ragioni politiche, perché questa non è una politica di rigore ma di punizione dei nostri elettori che ci renderanno pane per focaccia”.

    L’ideale sarebbe abolire quasi tutte le scappatoie che permettono elusione ed erosione fiscale, per mettere una tassa del 20% uguale per tutti.

    • Andrea Says:

      Tremonti è un fiscalista che sa come far evadere le tasse ai propri clienti, primo perchè a incentivare l’evasione fiscale è stato proprio lui scrivendo leggi criminali, secondo perchè conta clienti miliardari, Berlusconi ad esempio è un suo cliente.
      domanda ; questa gente viene a parlare di giustizia fiscale agli evasori fiscali di cui esso stesso è parte integrante?

      P.s Il nulla del nulla Wolter Weltroni mesi fa dichiaro’ che ci voleva la patrimoniale, Berlusconi e i suoi Peones gridarono da ogni pulpito alla sinistra che mette le mani nelle tasche dei cornuti e mazziati;, risultato- Tremonti sta facendo la Patrimoniale!

      PP.SS perchè nella presentazione della discussione avete messo la foto di Beppe Grillo?

  4. Andrea Says:

    Alla fine lo scopo di Nexs è solo quello della polemica con la “sinistra” fantasma, pero’ se non ci fosse la “sinistra” a far da spalla a Berlusconi, questi neanche esisterebbe sulla scena politica italiana , ecco la grande preoccupazione del berluskones impunito. Rammento alla memoria INESISTENTE di nexus che lo scudo fiscale fu condiviso anche dalla “sinistra” che eluse le votazioni disertando il parlamento ( chi tace acconsente) , …nemici di giorno soci in affari di notte quanto pare. Ora che un nexs peones berluskonianis pinco pallino riesca a comporre un pensiero finito senza sconfinare nel ridicolo, è cosa ardua

  5. Andrea Says:

    i sotterfugi e i cavilli “legali” permettono già ai soliti noti, le “innocenti evasioni”…mentre gli altri soliti noti continueranno a mettere mano al portafoglio come sempre è stato. Il condono è amorale come amorali sono le norme che permettono l’evasione infinita.. Sostenere, giustificare tutto cio’ porta inevitabilmente alla guerra sociale, ma forse è proprio questo lo scopo di qualche furbacchione italiota

  6. Nexus Says:

    Da una intervista ad Antonio Martino: “Quando Kennedy tagliò l’aliquota massima dal 91% al 70%, si osservò un aumento del gettito fiscale federale. Lo stesso dicasi per Ronald Reagan, quando con due riforme, tagliò l’aliquota massima dal 70% al 28%. Anche in quel caso il gettito aumentò. Fu un taglio che aiutò la parte meno abbiente della popolazione.”

    Non sono gli italiani criminali, ma il sistema fiscale spesso non dà scelta.


    • Assolutamente d’accordo…

    • Andrea Says:

      Nexus è un esperto in leggi fiscali americane, complimenti, hai omesso un dettaglio pero’: le aziende (private) non pagano le tasse ma beneficiano di molti diritti, tra questi l’assistenza sanitaria, mentre la socializzazione della tassazione investe solo le classi subalterne e, non sempre è concessa loro l’assistenza medica. Le balle di Martino fanno cagare, fa cagare anche di piu’ che questo “economista” col mito del piu’ forte, riesca a far ripetere agli altri le sciocchezze che semina impunemente. A certi livelli NON SI EVADE PER NECESSITA’, ma per vizio

      • Nexus Says:

        Mi fai pena, tutte le volte che ti senti impotente di fronte ad una verità assoluta, spari insulti.

      • Andrea Says:

        Insulti? …ma vatti ad informare piuttosto prima di scrivere sciocchezze. non ti invito neanche a leggerti i motivi del fallimento della riforma sanitaria della Clinton, potresti interpretare che sono i disoccupati che non desiderano essere curati
        Ci sono persone per le quali è difficile è difficile…..


I commenti sono chiusi.


%d blogger cliccano Mi Piace per questo: