Napolitano ha ragione, ma si ricordi di quando lui ed il PCI…

_________________________________________________________________________________

E’ Reato attentare all’Unità d’Italia? Sicuramente. Infatti tutti hanno condannato il PCI, che prendeva soldi da una potenza straniera che aveva gli SS20 puntati sulle nostre teste e che esaltava i carri armati russi quando andavano a schiacciare gli ungheresi che chiedevano solo Libertà e Democrazia…

_________________________________________________________________________________

Bene ha fatto il nostro Presidente della Repubblica ha ricordare alla Lega Nord l’assurdità della cosidetta “Secessione”. Il Nord Italia ha tante rimostranze da fare. E noi, da orgogliosi Meridionali ( ma giammai meridionalisti!) riconosciamo le ragioni di quel Partito e di quelle Regioni da tempi non sospetti.

Però dovrebbe riconoscere, il nostro Presidente, che anche lui ha fatto parte di un partito, il Partito Comunista Italiano, che non ha mai fatto mostra di eccessivo patriottismo. Bene fa a mettere in riga la Lega. Male fa a non fare ammenda anche delle sue mancanze in questo senso. E di tutti i suoi colleghi dell’oggi PD, ex PCI, ex PDS, ex DS, domani chissà.

L’aria di Napoli fa effetto a Napolitano. E farebbe bene a tutti, provare per credere, nonostante la monnezza e De Magistris. Napolitano si galvanizza, ringiovanisce e dice, ripetiamolo, cose giustissime.

Però, ed è questo il perenne problema della nostra Sinistra, sono tanto giuste quanto provenienti da un Pulpito ambiguo o poco autorevole. Il PCI, di cui Napolitano è stato uno dei massimi esponenti per decenni, ha sempre osteggiato qualsiasi forma di Patriottismo, ha preso finanziamenti (illeciti) da uno Stato straniero nostro nemico che puntava i suoi missili nucleari sulle nostre teste (in altri Paesi, tra cui quelli che la nostra Sinistra adora, tecnicamente sarebbe “Alto Tradimento), ha sempre teorizzato, in pratica, un sovvertimento della nostra forma di Stato e di Governo attraverso una “Rivoluzione” che non poteva che essere contro la nostra Costituzione, la stessa che oggi, pretestuosamente,  si affanna tanto a difendere ma  solo quando gli conviene…

E’ Reato attentare all’Unità d’Italia? Si, ma per maggiori informazioni chiedere a quei Comunisti, tra cui Napolitano, che prendevano soldi dall’URSS, che nascondevano armi in depositi segreti mentre si preparavano alla “Rivoluzione“, che sbandieravano falci e martello e bandiere di Cuba ma mai un tricolore, e che giustificavano i carri armati sovietici in Ungheria…loro in galera non  ci sono mai andati…chissà perchè dovrebbero andarci i leghisti...

Bookmark and Share

Annunci
Explore posts in the same categories: Italia

Tag:

Both comments and pings are currently closed.

7 commenti su “Napolitano ha ragione, ma si ricordi di quando lui ed il PCI…”

  1. Andrea Says:

    era Gladio che nascondeva le armi….CIUCCIO

  2. Andrea Says:

    viviamo tempi terribili, il peggior presidente della repubblica e il peggior presidente del consig della storia d’italia…Nonno Morfeo colui che ha firmato le peggiori leggi a favore del banana
    legittimo impedimento, scudo fiscale, nomina a ministro di berlusconiani corrotti e mafiosi, Brancher Romano ecc …
    fa piacere leggere che un lucano (terrone) è filo padano, meridionale si, meridionalista NO! Insomma l’ignavia, il disimpegno, il nichilismo come carattere distintivo del LUCANO TERRONE FELICE DI RIMANERLO. Sapesse il Lucano cosa ne pensa di Lui il viagrato ( tutti con lo stesso difetto in questo governo) Bossi, cambierebbe idea sicuramente…purtroppo il Lucano della torre di guardia è un peones bunghiano e a certe fatiche mentali non è abituato. I settentrionalisti (lega nord) contro i …semplici meridionali (terroni)..io dico che vincerebbero i settentrionalisti contando anche sui rinnegati indigeni in terronia

  3. Andrea Says:

    Il Pci di Berlinguer riceveva armi dall’urss? ahahah che ignorante!

  4. Andrea Says:

    ma i comunisti insieme ai liberali, democristiani e socialisti hanno scritto nel 1948 la costituzione italiana (la famosa costituente…uuu mache’ lo dico a fare a questa gente)…chissà se un bunghiano possa comprendere questo, ne dubito, visto che il Banana loro leader non sa neanche cos’è e a che serve un libretto pieno di articoli di legge senza neanche un’ immagine….porno o una foto del Milan qua e la

  5. Nexus Says:

    Anche io ho pensato subito la stessa cosa. Senza andare troppo lontani, fino a qualche anno fa se si sfoggiava una bandiera italiana o la conoscenza l’inno nazionale, si era immediatamente additati come fascisti.
    Ma sotto sotto spesso è ancora così, per la sinistra le celebrazioni per i 150 anni sono state solo un modo per andare contro la Lega Nord ed il Governo, ma in realtà la gentaglia dei centri sociali e delle organizzazioni della sinistra giovanile disprezzano la bandiera, a meno che sia rossa. La parola “Patria” per loro è sempre stata una parolaccia di cui vergognarsi, i modelli erano altri, ed oggi fa proprio ridere assistere alle dichiarazioni di questi personaggi.

  6. Andrea Says:

    un paese amico (urss) del Pci ma che impediva al Pci di entrare nel governo di solidarietà nazionale (compromesso storico) ….tema forte e incomprensibile per una mente avvezza solo al bunga bunga

  7. Andrea Says:

    …e di quando prendeva i soldi da Berlusconi


I commenti sono chiusi.


%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: