La Bufala della “Lotta all’Evasione Fiscale”

________________________________________________________________
Ogni giorno siamo costretti a sorbirci in TV dei terribili e catto-comunisti spot contro gli “evasori fiscali”. Ogni giorno dalle Istituzioni della Repubblica viene fomentato l’odio sociale contro chi, secondo loro, “evade le tasse”. Tutte cose buone e giuste? Forse…
________________________________________________________________

Ed anche quest’anno la rituale buffonata della “lotta all’Evasione Fiscale” si è celebrata nelle stanze del Governo, nelle aulee parlamentari, nelle Chiese, sui quotidiani e nei comizi di Destra, Sinistra e pure Centro. Anche quest’anno sedicenti neo-Torquemada e moralisti d’accatto hanno digrignato i denti contro chi non paga le imposte ed è quindi il vero colpevole della Crisi mondiale, ma che dico, interplanetaria. Lasciateci fare alcune amare considerazioni prima di invocare anche per noi de La Torre Normanna, o catto-comunisti di Destra, Sinistra e Centro, il giusto rogo in pubblica piazza…

1) Se una Legge c’è, anche quando ingiusta e palesemente cialtronesca, va rispettata. Quindi fin quando in questo Paese saranno in vigore queste Leggi Fiscali (le più idiote del Pianeta) è giusto rispettarle e farle rispettare anche con severità.

2) Criticare una Legge (o perfino la Costituzione) in uno Stato liberale, non è atto di lesa maestà o attentato alle Istituzioni ma normale dibattito politico.

Passiamo a parlare di Tasse in generale e di questa Finanziaria in particolare, appena varata per la quarta (o quinta) volta dal Governo. Esistono due tipi di politici, quelli che vanno in piazza ad aizzare le folle (giustamente) arrabbiate, e quelli che si permettono ogni tanto il lusso di ragionare. Un politico della prima specie va in piazza a dire che, ad esempio, Valentino Rossi è un porco evasore che meriterebbe la galera perchè ha evaso le tasse. Un politico della seconda specie si chiede però anche perchè mentre Valentino Rossi porta i suoi soldi all’estero non c’è nessun Casey Stoner che è così fesso da portarli in Italia.

Gli italiani, quando possono, portano i loro soldi all’estero. Gli stranieri non sono così allocchi da portare i loro soldi in Italia. Perchè? Non vi viene il sospetto che forse è il nostro sistema fiscale ad essere un tantino ingiusto? Ma certo che no, è solo colpa degli italiani, evasori fiscali nel dna ed indegni cittadini della UE!

Con questa Finanziaria ancora una volta, al netto delle chiacchiere, la lotta all’evasione si tramuterà in un aumento dei controlli fiscali sulle famiglie, sulle piccole imprese, sugli artigiani che riceveranno la visita della Finanza non una volta al Mese ma anche due o tre. Solo per “fare cassa”. E le Coop, la Chiesa Cattolica, la CGIL e tutta Confindustria giù ad applaudire i solerti agenti in divisa grigia ogni volta che beccheranno il piccolo commerciante che non ha fatto lo scontrino o l’artigiano che non aveva la bottega in regola al 100% (grazie anche alle stupende normative-capestro della UE) o magari la famiglia che non pagava il Canone RAI o non aveva tutto in ordine con il Catasto. Sporchi evasori responsabili della crisi di questo Paese!

La forza del nostro Paese, storicamente, è sempre stato il commercio e l’artigianato, non la grande industria, il Pubblico impiego o l’economia statalizzata. Un Paese che decide di penalizzare, come sempre, i piccoli imprenditori, le famiglie e gli artigiani per salvare le burocrazie statali, le caste ed i grandi imprenditori sanguisughe, non può reggere le sfide della globalizzazione perchè semplicemente non ha capito nemmeno di che si sta parlando…

Piccola divagazione: qualche tempo fa nella trasmissione “Cominciamo Bene” condotta da Michele Mirabella, un  telespettatore particolarmente sensibile sul tema della Evasione disse che gli italiani sono evasori fiscali nell’anima perchè “quando guidano l’auto si “lampeggiano” anche se non si conoscono, se c’è una pattuglia di Vigili Urbani o della Polizia Stradale appostata”. Verissimo. Perchè? Perchè sono evasori? No. Perchè sanno benissimo che le multe dei Vigili o della Stradale vengono fatte non per far rispettare il Codice Stradale ma solo per “fare cassa” . Se ti fermano, un motivo per farti la Multa al 99% lo trovano. E sfido chiunque, in particolar modo le Amministrazioni locali del basso Lazio, alta Campania, a dire il contrario. E’ esempio di naturale Resistenza contro le Tasse, non di Evasione…puro Tea Party all’amatriciana, caro Mirabella!

In un Paese liberale il cittadino paga le tasse e lo Stato tramuta queste in servizi. Ed il cittadino giudica la qualità degli stessi (da una rivolta contro una tassa ingiusta sono nati gli USA!). In un Paese come l’Italia invece,  le Istituzioni locali e nazionali di servizi ne offrono davvero pochi ma in compenso aumentano controlli e balzelli. Ed aizzano i vicini di casa a spiarsi a vicenda come nella DDR! Il cittadino quindi deve pagare senza farsi tante domande: c’è il rischio non solo di finire in  gattabuia, ma anche di essere pubblicamente sputtanato. E magari era solo un errore, una dimenticanza o la oggettiva impossibilità di rispettare una normativa idiota (in genere della UE).

Una cultura catto-comunista e borbonica come quella che impregna la maggior parte della nostra classe dirigente (Locale, Nazionale ed “Europ(h)ea”, mi raccomando la pronuncia) non contempla nemmeno la possibilità che il cittadino possa farsi queste domande o addirittura protestare. Chi ragiona così è uno sporco evasore o suo complice. Punto. Le tasse vanno pagate e basta. Così ha detto il Re. Così ha detto il TG3. Così hanno detto Destra, Sinistra e Centro. Lo hanno detto anche gli spot del Governo liberale di Berlusconi…e questa è davvero dura per noi da mandare giù…

Bookmark and Share
Explore posts in the same categories: Italia

Tag:

Both comments and pings are currently closed.

5 commenti su “La Bufala della “Lotta all’Evasione Fiscale””

  1. Andrea Says:

    Ogni giorno siamo costretti a sorbirci in TV dei terribili e catto-comunisti spot contro gli “evasori fiscali”….citaz da LA TORRE NORMANNA LIBERAL (SIC) …poveri tapini sempre costretti ad evadere le tasse, ma che vita grama fare l’evasore fiscale, Torre perchè non proponi un cavalierato, un monumento, la dedica di qualche strada, piazza, scuola …agli evasori fiscali. T’immagini la motivazione: perseguitati da un sistema disumano e forcaiolo abbandonarono i patri lidi speranzosi di farvi un giorno ritorno con lo scudo in mano e il cuore colmo di amore…w la libertà w il popolo della libertà w silvio berlusconi w bettino craxi…dai su..ma è cosi, di mio non aggiungo niente

  2. Andrea Says:

    Guarda che i Borbone erano gli unici regnanti a far pagare ai propri sudditi solo 3 tasse (mai fatta una guerra in 400 anni di storia in piu’ il regno era florido) , gli altri ( Piemonte Lombardia Veneto Liguria sardegna Val d’aosta friuli V.G. trentino vessavano i propri sudditi con tasse da strozzinaggio ( pagavano ai banchieri gli enormi debiti di guerra, i Savoia si permettevano 2 guerre all’anno). Magari questi di oggi riuscissero a uguagliare i Borbone.

  3. Andrea Says:

    amo veder soffrire coloro che son causa dei propri guai ( lacrime di coccodrillo) .forza Silvio distruggili…a proposito Silvietto ma Lavitola quanti milioni di euro ti ha aviotrasportato alle Caiman/ Santa Lucia? Stai attento che se superi 30 milioni di uero ( su un imponibile di 90 milioni) rischi di diventare evasore in base alla legge Bossi tremonti Berlusconi…..con 299,99 per legge di questa manovra finanziaria nessuno ti potrà dare dell’evasore.
    I craxo-Lego-berlusconiani piangono e fottono a go-go …poverini evadono e piangono evadono e piangono…poi la manovra l’ha scritta Di Pietro…IPOCRITI & PARASSITI

  4. Andrea Says:

    La cgil ci ha fatto un sciopero ( non ti è piaciuto molto ho letto) …forse intendevi le altre due formazioni del sindacato governativo CISL E UIL ..hai visto su youtube Bonanni insieme a Sacconi? Ci spiegavano che la Cgil è troppo politicizzata..eheh che bontemponi

  5. Nexus Says:

    Condivido tutto, come se l’avessi scritto io !
    Che tristezza vedere che qualche membro del governo invece di semplificare il fisco, fa delle sparate dipietriste, manette e oppressione fiscale. Purtroppo a volte è anche difficile riuscire a pagare le tasse, bisogna essere davvero bravi ed informati, ma i forcaioli supergarantiti questo non lo capiscono.
    Voglio sottolineare comunque un problema di cui non parla mai nessuno: l’elusione e erosione fiscale. Questi sono due metodi legali per non pagare le tasse, che vanno a favore dei ricchissimi e contro il ceto medio, commercianti, artigiani, piccoli e medi imprenditori etc…
    Basta vedere la classifica dei parlamentari più ricchi, ce ne sono a decine che dichiarano un reddito nettamente inferiore persino al loro stipendio da deputato o ministro. Continuo a pensare che la giustizia sia nell’abolizione di quasi tutte quelle decine e decine di leggi che consentono elusione ed erosione, e ridurre drasticamente le tasse per tutti, con la flat tax al 15% o 20% che sostituisca ire, ires e irap. Anche ignorando l’effetto di stimolo per l’economia, lo Stato incasserebbe lo stesso o anche di più. Quando negli USA l’aliquota più alta è stata portata dal 70% al 28%, il gettito nelle casse dello Stato aumentò, non è magia !


I commenti sono chiusi.


%d blogger cliccano Mi Piace per questo: