Graziare Tedesco per salvare Vendola e D’Alema

_________________________________________________________________________________________________

Perchè il PD fa di tutto per salvare il Senatore Tedesco a costo di esporsi allo sberleffo non solo del PdL, ma anche dell’IdV? Perchè il PD espone il fianco alle critiche perfino dei suoi stessi militanti, dimostrando apertamente tutta la sua ipocrisia finto-moralista condannando Papa e graziando Tedesco? Semplice: perchè tenta in tutti i modi di rinviare la catastrofe annunciata e cioè lo sputtanamento definitivo di Vendola e D’Alema e del loro Sistema-Puglia. Due Leaders falliti che sopravvivono proprio grazie ai silenzi del Senatore graziato, a tutti i costi, dai democratici a Palazzo Madama…

_______________________________________________________________________________________________

Perchè votare SI all’arresto di Papa e poi, in segreto, votare NO all’arresto di Tedesco? Popolo Viola sgomento, Di Pietro infuriato, PDL che sfotte, militanti del PD disorientati. Ma come, avevamo promesso fuoco e fiamme, e poi, quatti quatti, come i ladri, mentre condanniamo senza appello Papa salviamo senza vergogna e senza giustificazioni Tedesco? Ma , caro PD, la Coerenza? La Moralità? La Giustizia Uguale per Tutti?

Noi seguiamo la vicenda di Tedesco da tempo e vi spieghiamo perchè il PD preferisce sfidare i suoi stessi elettori dimostrando di essere un partito senza vergogna e senza morale piuttosto che abbandonare Tedesco al suo triste Destino. In gioco non c’è la libertà di Tedesco, ma la sopravvivenza politica di Nichi Vendola e Massimo D’Alema.

Così parlò l’ex-Assessore alla Sanità della Regione Puglia Alberto Tedesco…

«Purtroppo, nel mio caso, è già stata emessa una sentenza definitiva. Si è svolto un processo breve in cui il pubblico ministero risponde al nome di Marco Travaglio, l’appello è nelle mani di Antonio Di Pietro e la Cassazione è rappresentata da Michele Santoro. Nel febbraio 2009 scopro non dai magistrati, ma dagli organi di informazione di essere indagato e mi dimetto immediatamente da assessore. In questo modo salvo Vendola e la sua esperienza politica dalla bufera e, probabilmente, dalla rovina. Nelle intercettazioni il presidente della regione discute con lei di nomine.Si vede che nelle sue famose «narrazioni» c’è un posto anche per i direttori generali. Ma questo non è un reato.A proposito della nomina lampo del primario del pronto soccorso di Terlizzi, il paese di Vendola, con i magistrati lei parla di «logiche terlizzesi»Nella mia esperienza pluriennale, a memoria, non ricordo un concorso di primario che sia durato così poco… Il suo giudizio su Vendola? È un uomo privo di sentimenti. Con lui, sino a quando gli sono stato utile elettoralmente, ho avuto ottimi rapporti. Anche quando ero indagato. Dal giorno dopo le elezioni del 2010 mi ha accuratamente ignorato. Ma, come diceva Pietro Nenni, la politica non si fa con i sentimenti né con i risentimenti.

Ma l’Ex-Assessore ha detto anche…

«La fattispecie del reato era pressoché identica e i fatti contestati erano sovrapponibili al 90 per cento.Evidentemente c’è un atteggiamen­to diverso da parte dei procuratori (tra lui e Vendola), e fran­camente non riesco a capire perché»

Insomma, in questi ultimi Mesi, Alberto Tedesco aveva fatto ampiamente capire che non avrebbe recitato la parte del Greganti del nuovo Millennio, del Compagno che si immola per salvare Il Partito ed i suoi Dirigenti. Ma ha fatto intuire che se costretto dalle circostanze, avrebbe fatto nomi, cognomi e fornito prove senza fare, giustamente, sconti a nessuno, Vendola, D’Alema ed Emiliano compresi. Da quei la decisione del PD. Salvare Tedesco a tutti i costi, prima facendolo Senatore, poi salvandolo con il voto al Senato, e di nascosto. Recitare la parte fin che si può, ma poi, al momento del Voto, salvare il Compagno Tedesco per salvare il culo a D’Alema, a Vendola e pure ad Emiliano ed a tutto il Sistema-PD-Puglia. Che vergogna e soprattutto quanto tempo perso, perchè, come in Campania, prima o poi le malefatte della mala-amministrazione della Sinistra nella Regione del levante verrà a galla e farà male tanto quanto ha fatto male il fallimento del bassolinismo a Napoli…

Bookmark and Share
Explore posts in the same categories: Italia

5 commenti su “Graziare Tedesco per salvare Vendola e D’Alema”

  1. Nexus Says:

    Mi sembra ovvio che il PD ha deciso di votare contro l’arresto di Tedesco perché hanno paura di ciò che possa dire in galera ai giudici. Hanno pensato che è meglio fare una figura di merda (semi-censurata dalle tv) ed essere ipocriti, piuttosto che rischiare.
    Vendola ? Il peggior governatore d’Italia, per dire questo non c’è bisogno dei giudici.

  2. andrea Says:

    la torre ama le chiacchiere…rammentiamo all’articolista della torre che in senato il “polo delle libertà” ha una maggioranza schiacciante, ergo; al salvataggio di Tedesco hanno votato con il pdmenoelle anche lega udc e parte della PDL…la torre vada a cercare le cause del malumore ormai palese nel partito di Berlusconi. Tedesco è stato salvato dalla CASTA..
    p.S. il solito Di Pietro è sempre la solita voce fuori dal coro…lo dicono i numeri

    sarebbe interessante invece sapere cosa ha ottenuto la lega dal pdmenoelle per l’operazione “Tedesco”..

  3. andrea Says:

    non si capisce perchè la torre associ Tedesco e D’alema a Vendola…mah, forse per il terrore di trovarsi davanti uno dei pochi non pregiudicati che affollano il Pdl e il pdmenoelle


    • Tedesco, come dimostrato dai FATTI e dalle sue stesse dichiarazioni, è legato a D’Alema e soprattutto a Vendola (di cui era Assessore alla Sanità! Che in Puglia è allo sbando!)…tedesco parla anche delle cene di tarantini con D’Alema, ad esempio e varie ed eventuali…

      • andrea Says:

        fai confusione, Tedesco è un uomo di d’alema e il baffino non era molto contento di avere Vendola tra gli Zibidei, a onor del vero va detto che i D’alemiani che “coadiuvavano” Vendola appartengono al primo mandato presidenziale di Vendola, oggi (in virtu’ del veto subito da Vendola da parte di D’alema) nel consiglio regionale ci sono moltim meno D’alemiani di un tempo. D’alema ( non è un mistero) ha sempre preferito a Vendola una consociativa alleanza con Casini….quindi sii piu’ cauto prima di esporre cose completamente errate


I commenti sono chiusi.


%d blogger cliccano Mi Piace per questo: