Lega di Lotta e di Governo

_________________________________________________________________________________________________

La Lega Nord comprende finalmente che governare logora perchè significa assumersi responsabilità. Trovare il giusto equilibrio tra coraggio e prudenza. Facile anche per loro rifugiarsi nell’antiberlusconismo. Più difficile è trovare una alternativa a questa Maggioranza ed a questo Governo. Per questo oggi Bossi ha lanciato un Ultimatum, ma anche no…

_______________________________________________________________________________________________

E’ fin troppo facile scaricare su Berlusconi tutti i mali del Paese. Più difficile è ammettere apertamente che molto si è fatto in questi tre anni e che comunque sarebbe difficile trovare un alleato più disponibile del PdL. Il dilemma della Lega Nord sta tutto qui. Un Partito fortemente caratterizzato e con un programma decisamente rivoluzionario fatica, in tempi di crisi, ha convincere i suoi elettori che questo è l’unico Governo possibile e l’unica strada percorribile per raggiungere, magari lentamente, i propri obiettivi.

Oggi a Pontida abbiamo piuttosto visto una Lega Nord di Lotta e di Governo. Pronta a mandare tutto all’aria ma anche no. Pronta a pretendere addirittura il trasferimento dei Ministeri al Nord, ma disponibile ad accontentarsi di una soluzione favorevole delle “quote latte”. Una Lega pronta alla Crisi di Governo, ma disposta a rinunciare se Equitalia molla le sue ganasce fiscali dai piccoli imprenditori della Padania. Insomma pronti a tutto, ma sapendo benissimo che non gli conviene.

Umberto Bossi sa benissimo che la Lega Nord non può fidarsi delle profferte (alquanto imbarazzanti e ridicole per chi le fa) del PD, il partito che da anni li descrive come dei rozzi razzisti e come i difensori, a proposito di quelle stesse “quote latte” tanto evocate dal Senatur, degli evasori fiscali. Non può fidarsi di un partito che sotiene qualsiasi sciochhezza partoriscano le “illuminate” menti di Bruxelless, per non parlare dell’immigrazione o della Guerra in Libia. Quindi abbiamo visto piuttosto una Lega legata.

Conviene alla Lega Nord staccare la spina? Se vogliono fare la stessa fine di di Gianfranco Fini, forse si. A Sinistra nessuno se li filerebbe ed avrebbero difficoltà a ricercare un’alleanza con il PdL. In realtà oggi non è successo molto, nel senso che la Crisi della maggioranza e del Governo c’è già da tempo, quindi era inutile aspettarsi chissà cosa. Piuttosto oggi da Pontida sono, secondo noi, emersi degli ottimi spunti di riflessione per il PdL, perchè in questo partito in subbuglio ma dalla potenzialità enormi bisognerebbe cominciare a pensare non solo alla possibilità di fare le Primarie, ma anche alla altrettanto logica eventualità di correre da soli quando si ritornerà alle Urne…

Bookmark and Share
Explore posts in the same categories: Italia

4 commenti su “Lega di Lotta e di Governo”

  1. Andrea Says:

    Umbertus et Silvius, circonventori d’incapaci

  2. Nexus Says:

    Se la lega vuole contare e realizzare i suoi programmi e le riforme, da sola non può farlo. Non può certo vincere le elezioni da sola, e se fa cadere il governo farà solo del male a se stessa.
    Ma se un tempo era il partito contro la spesa e l’invadenza della politica nella vita dei cittadini, adesso ha fatto parzialmente marcia indietro almeno su certe cose. Va benissimo infatti criticare la disastrosa guerra di Sarkozy in Libia (di cui non si parla quasi più perché imbarazzante) con lo spreco di soldi che ne consegue, ma perché si sono schierati contro l’abolizione delle province ? Qualche poltrona in più può fargli gola ma sono certo che gli elettori leghisti, così come tutti gli italiani, gradirebbero assai ridurre i costi. Anche questa questione dei ministeri al nord non credo che appassioni più di tanto i suoi elettori, ed alla fine si concluderà solo con l’apertura di uffici di rappresentanza come già accordato col Cavaliere…

  3. Andrea Says:

    Il PDL è un partito PIRAMIDE, l’azionista unico è Berlusconi…provate ad immaginare il fascismo senza MUSSOLINI…il nazismo senza un Hitler, la storia ha chiaramente insegnato che in casi come questi il partito si frantumerà…pezzi del vecchio si ricicleranno in altre composizioni, è successo a Fini succederà ad altri ..Scillipoti puo’ servire in tempi brevi, non di piu’…Il partito piramide ha già crepe importanti, molti Berluskones senza il salvagente della giunta sulle autorizzazioni a procedere starebbero in CARCERE, UNA SITUAZIONEIN PROGRES, DA AGGIORNARE..PAPA LETTA VERDINI COSENTINO DELL’UTRI BERLUSCONI, EVIA VIA MOLTI ALTRI, Il partito piramide è un partito finito…fa bene la Lega ad ascoltare la propria base, non possono essere trascinati nello stesso destino di MisterB. Il partito DELLA CORRUZIONE COME SISTEMA DI GOVERNO sta tirando le cuoia…FINALMENTE

    p.s. solo D’alema e vELTRONI possono fare qualcosa per Berlusconi, l’hanno fatto in passato cè motivo di credere che lo rifaranno ancora..il problema di berlusconi è che questa volta gli elettori del PDMENOELLE non perdonerebbero piu’ L’amico Massimo e Walter…amici di Berlusconi ovviamente…NON DELLA SINISTRA


I commenti sono chiusi.


%d blogger cliccano Mi Piace per questo: