Il Referendum dei Coglioni…

_________________________________________________________________________________________________

La Sentenza della Cassazione fa a pugni con il Diritto, con la Lingua italiana e soprattutto con il buon senso. Basta l’antiberlusconismo per giustificare questo ennesimo papocchio politico-giudiziario che getta definitivamente nel ridicolo l’Istituto del Referendum Abrogativo?

________________________________________________________________________________________________

Nel nostro Paese esiste l’Istituto del Referendum Abrogativo, cioè la possibilità che ha il Popolo di cancellare una Legge emanata dal Parlamento. E già qui sorgono alcuni problemi, perchè per dire no devi votare SI, e viceversa. Nel caso del Referendum che si terrà il prossimo 12 e 13 Giugno, chi non vuole il Nucleare deve votare SI, chi invece è favorevole deve votare NO. Anzi, dovrebbe, perchè nel frattempo è successo un pò di tutto.

Per fortuna (…) degli italiani interviene la Cassazione, e decide che il Referendum si terrà, anche se nel frattempo la Legge è cambiata. Ora,  per dire no bisogna, stavolta, votare davvero NO mentre per dire si bisogna votare SI. Tutto chiaro?

Si, proprio così, perchè stando a quello che rivelano i maggiori quotidiani italiani la Cassazione ha deciso in una storica Sentenza che oggetto del Referendum saranno i Commi 1 ed 8 dell’Articolo 5 del Testo del decreto-legge convertito dalla Camera il 25 maggio 2011. Il primo stabilisce che in Italia non si istalleranno Centrali Nucleari, il secondo dice che l’Italia investirà in politiche di ricerca e sviluppo sostenibile in tema di Energia in accordo con gli altri Paesi Europei.

Quindi chi non vuole il Nucleare non deve assolutamente abrogare questi due Commi e quindi dovrà votare NO, mentre chi come noi è a favore dell’atomo deve votare SI a meno che il Diritto, la logica e la Lingua italiana non siano nel frattempo cambiati sull’onda del “vento nuovo” che soffia in tutta Italia…

Bookmark and Share
Explore posts in the same categories: Bufale Sinistre

19 commenti su “Il Referendum dei Coglioni…”

  1. Nexus Says:

    Altra cosa che nessuno si azzarda a dire in Tv: solo la Germania e la Svizzera hanno deciso lo stop….nel 2022.
    Tutti gli altri vanno avanti. Nessuno dei 6 nuovi reattori in costruzione in Europa è stato fermato e rimangono confermati i 24 reattori in progettazione.
    Conseguenze ? In Germania, oltre che eolico e fotovoltaico, la carenza di energia elettrica verrà sopperita dalle centrali a carbone, sicuramente fra le più inquinanti di Co2 nell’atmosfera. Risultato ? E’ calcolato da analisti un aumento di 370 milioni di tonnellate di Co2 entro il 2020.

  2. Nexus Says:

    Alla fine nessuno si azzarda a spiegare cosa è successo a Fukushima.
    Non c’è stato nessun malfunzionamento come a Three Mile Island né esperimenti avvolti nel mistero come a Chernobyl.
    Alla vecchia centrale di fukushima non c’è stato un incidente causato dalla tecnologia nucleare (di 50 anni fa), ma dalla vecchissima tecnologia del motore a scoppio diesel ! Infatti i motori che servivano per pompare l’acqua di raffreddamento sono finiti allagati nei seminterrati a causa dello tsunami, il terremoto 9.0 non gli ha causato danni. Bastava mettere i motori dei sistemi di raffreddamento in una postazione rialzata o in una camera stagna, e non sarebbe successo niente, come nelle altre centrali.
    Tuttavia non ha nessuna importanza, infatti le centrali della generazione 3,5 hanno anche altri sistemi di raffreddamento più avanzati, compreso quelli meccanici che funzionano anche senza motori diesel o elettrici.
    Più di mezzo secolo non è passato invano.


  3. Di Pietro cerca con l’inganno del referendum sul terrore nucleare l’investitura a lìder maximo della sinistra. In sostanza se raggiunge il quorum la gabbia di matti inizierà ad urlare: Bersani che chiede a Berlusconi di farsi da parte mentre Di Pietro chiede di farsi da parte Bersani.
    L’abrogazione del legittimo impedimento corrisponde alle minacce dentro un palazzo di “giustizia” di molti anni fa, di un togato che se n’era fottuto della bilancia nel ponderare le espressioni: “io quello li lo sfascio”. Ed ancora lo insegue con la stessa crudezza di linguaggio, il medesimo astio sul volto, la solita schiuma sulla bocca. E questa volta chiede pure l’acclamazione del Popolo, in nome del terrore nucleare. A questo punto meglio una catena di centrali nucleari tutte collegate tra di loro ad un’unica spoletta sotto casa, che assecondare un Di Pietro che chiede al Popolo Sovrano di essere acclamato lìder. Anzi no, scusate tutti: meglio, molto meglio tutti al mare a mostar le chiappe chiare.
    mn

  4. andrea Says:

    Il secondo referendum di importanza strategica per la democrazia è la non privatizzazione dell’acqua….bisogna impedire a INTESA SAN PAOLO di appropriarsi del bene naturale di tutti…….in Canada l’acqua si appresta ad entrare in borsa..roba da accapponare la pelle…la pioggia deve rimanere libera e accessibile a tutti

    • Astragalo Says:

      Senti, dalle mie parti, qualche anno fa la regione ha fatto una riforma. Sono stati aboliti tutti i gestori comunali e ne è stato creato uno unico: un mostro, un monopolista pubblico che ha quadruplicato la bolletta e peggiorato i servizi. Sono tutti arrabbiati !
      Io voglio la possibilità di scelta, determinata da bando di gara tra privati, esattamente come succede per tutti gli altri servizi alla città. Se non funziona un gestore, lo cambi.

      • Nexus Says:

        …scusa, sono sempre Nexus, avevo il nome di un altro commentatore…

      • Nexus Says:

        Dimenticavo…naturalmente il nuovo idromostro è in passivo: 130 milioni di debiti con le banche e 200 con i fornitori in pochi anni. Spiccioli insomma.
        E c’è ancora chi rivendica che l’acqua va fatta gestire dalla Regione…se non è ideologia questa !

  5. jo Says:

    no, daccordissimo sui contenuti, ho usato anche io spesso certi titoli, ma ora, dopo che ci hanno mazzati, gli diamo anche il modo di passare da vittime.


  6. Oramai è chiaro: loro possono dire tutto ed il contrario di tutto. C’è da rimanere sconcertati di fronte a tale disprezzo, ripeto, della logica oltre che del Diritto. ma da domani manderanno la Finocchiaro in tv, in minigonna rossa come in questi giorni, a spiegare che è tutto legittimo ed assolutamente normale…

    • Nexus Says:

      Chissà se in tv avranno il coraggio di leggere e spiegare le norme in questione, o se partirà la solita furia ideologica…mi immagino già i bambini deformi in collegamento da Chernobyl durante una puntata di Annozero…
      Il PDL sembra intenzionato ad annunciare la libertà di voto, dicendo comunque che loro non andranno a votare. Forse non caricheranno di importanza il referendum sul nucleare perché comunque vada non cambierà niente.
      Mi dispiacerebbe se cadessero le norme sui servizi idrici. Fini invita ad andare a votare, chissà cosa ne pensa Ronchi (FLI) che ha scritto questa legge, e Della Vedova che l’ha appoggiata.
      Il legittimo impedimento è stato parzialmente abrogato dalla Corte Costituzionale, almeno nella parte che contava di più per Berlusconi, infatti da quella volta non l’ha più usato. Ha fatto un accordo con il tribunale di Milano per essere in aula il lunedì, o comunque per non chiedere l’impedimento per quel giorno.
      Che la decisione della Cassazione abbia in realtà il fine ultimo di spingere la gente al voto per completare il lavoro fatto dagli colleghi della Corte Costituzionale, e dunque abolire del tutto la norma ?
      Io me ne andrò al mare.

  7. Nexus Says:

    Incredibile.
    I commi 1 e 8 dell’articolo 5, modificati il 25 maggio (scritti in grassetto sulla colonna di destra), non parlano di fare centrali in Italia, ma di non farle.
    Adesso tutti i mezzi di comunicazione stanno dicendo che il referendum serve per cancellare il programma nucleare, ma in realtà questo referendum non ha niente a che vedere con il nucleare. Si stanno imbrogliando gli antinuclearisti, che hanno già il forcone in mano e sono diretti verso i seggi.
    Mi chiedo che razza di decisione abbia preso la Cassazione. Le firme per i referendum erano state prese per abolire altre norme, abolite in realtà dal parlamento poche settimane fa. E adesso i giudici hanno deciso di spostare il referendum su un’altra legge, fatta la settimana scorsa, e che non riguarda neppure la costruzione di centrali !
    Anche tecnicamente, mi chiedo se sia legale ciò che ha fatto la Cassazione: decidere di propria iniziativa un referendum su delle norme appena approvate dal parlamento. La sovranità è passata ai giudici, come dice spesso Berlusconi ?

    • andrea Says:

      Berlusconi ) si è “dimenticato” di emanare un NUOVO decreto che cancelli quello precedente, per questo la cassazione ha ritenuto ancora “attivo” l’Omnibus”..sentito Travaglio ieri ad Annozero?
      LA CASSAZIONE E’ COMUNISTA????’

      • Nexus Says:

        Travaglio trova sempre un modo per giustificare tutto.

      • andrea Says:

        però è come sostiene Travaglio…serviva un nuovo decreto che abrogasse quello precedente (la cassazione ha motivato in questo modo…) è la prassi
        Deduzione: Berlusconi intendeva fare il furbo, facendo scrivere a qualche suo modestissimo collaboratore (Alfano, Romani Prestigiacomo?) una finta dismissione del nucleare in attesa di un qualche favorevole sondaggio dei suoi..per ricominciare a fare il nucleare (l’ha dichiarato candidamente anche a Sarkozy)…consultare YOUTUBE…BERLUSCONI E’ INNOCENTE COME UNA CREATURA

      • Nexus Says:

        Non ho bisogno di consultare you tube, lo ricordo bene, e sono d’accordo con lui.

        “la cassazione ha motivato in questo modo…” Non ho dubbi su questo !

      • Andrea Says:

        quindi sei d’accordo con la truffa che berlusconi aveva messo in essere..ovvero (te lo ricordo) “facciamo finta di abolire il nucleare, passata la buriana, facciamo come ci pare, cioè imponiamo il nucleare baipassando il referendum”. Ora è chiaro tutto (lo era anche prima) ecco perchè Mister B. si era “dimenticato” di varare il decreto che cassava quello precedente…LE TRUFFE SON TRUFFE, PUNTO E BASTA…
        Mi continuo a chiedere chi è il pasticcione relatore che scrive le leggi a Berlusconi…Ugo Fantozzi forse???

      • Nexus Says:

        La moratoria sul nucleare era proprio ciò che chiedevano gli antinuclearisti. Il governo è andato oltre, abolendo completamente le norme come chiedevano i più oltranzisti. Ma si sa, quando B. fa qualcosa, loro devono fare il contrario, quindi tutti contro l’abolizione delle norme che prevedevano la localizzazione e costruzione delle centrali.
        Di fatto, è un referendum inutile.

      • Andrea Says:

        Va be…NEXUS, NON SEI UN TIFOSO DI BERLUSCONI, SEI UN ULTRAS…

      • Nexus Says:

        Se ci mettessimo a parlare di politiche fiscali ti accorgeresti quando poco ultras sono nei confronti del governo e di Tremonti…


I commenti sono chiusi.


%d blogger cliccano Mi Piace per questo: