La Guerra Radical-Chic: gli aerei bombardano ma con il bio-carburante…

______________________________________________________________________________________________

Adesso scopriamo che la Guerra più amata dai pacifisti e dalla Sinistra sgancia bombe non molto intelligenti, ma utilizzando bio carburante. E’ tutto così terribilmente Radical-Chic che viene voglia davvero di crederci…

______________________________________________________________________________________________

Non bastavano capi di Stato di sedicenti superpotenze che dopo essersi inchinate per anni a Gheddafi adesso lo bombardano accusandolo delle peggiori malefatte. Non bastava vedere i nostri pacifisti e la nostra Sinistra con l’elmetto e la faccia feroce. Non bastava vedere l’Onu, la Nato e la UE distrutte dall’arroganza e dal pressappochismo di sopravvalutati leaders politici mondiali. Adesso ci tocca pure la guerra eco-compatibile.

Gli aerei della coalizione bombardano ma utilizzano carburante bio-degradabile. Le bombe francesi sono intelligenti, altro che quelle di Bush, ed in più i mirage lasciano anche una scia di Chanel n°5. In più è tutto biodegradabile e fatto nel rispetto dell’ambiente. Ma di cosa si lamentano poi questi libici? Essere bombardati in questo modo è quasi piacevole e soprattutto, così irresistibilmente radical-chic che davvero non si capisce perchè mezzo mondo non è d’accordo…

I “Partigiani di Bengasi”, la Guerra contro “il Dittatore”, le “fosse comuni”, le “bombe intelligenti”, adesso pure i “bombardamenti eco-compatibili”. Questa faccenda assume ogni giorno connotazioni sempre più sgradevoli e sporche. Evitare almeno di cadere nel grottesco sarebbe il minimo…

Bookmark and Share

Explore posts in the same categories: Mondo

2 commenti su “La Guerra Radical-Chic: gli aerei bombardano ma con il bio-carburante…”

  1. Nexus Says:

    La guerra è in una fase di stallo che potrebbe durare mesi o anni.
    Le alternative sono l’uscita di scena di Gheddafi, ma è improbabile perchè appena mette il naso fuori dalla Libia gli è stato promesso un bel processo al tribunale dell’ Aia.
    Un’invasione di terra, ma è costosa, incerta e non verrebbe mai autorizzata dall’ONU per il veto di Russia e Cina.
    La “corruzione” delle tribù che lo sostengono promettendogli soldi e di entrare nel futuro governo, ma ci sono poche possibilità.
    E nel mentre chi ha da perdere ? L’ Italia e solo l’Italia !

    • Andrea Says:

      L’Italia non ha niente da perdere, non cambia niente nel borsino londinese, l’ENI venderà i propri titoli come ha sempre fatto. Non si capisce perche’ continui a citare l’Italia ( stato giuridico)nelle baruffe Libiche. Confondi L’italia con L’Impregilo…ad esempio


I commenti sono chiusi.


%d blogger cliccano Mi Piace per questo: