La Sarkoguerra ad una svolta, o in un vicolo cieco?

______________________________________________________________________________________________

I raid aerei non bastano più. Escalation militare o soluzione diplomatica? Non convincono più i trionfalistici bollettini dal fronte libico di Sarkò e di Obama e di Al Jazeera. La UE, la NATO, la Lega Araba e l’Unione Africana sempre più scettiche. L’impressione è che non ci sia un vero piano tattico o strategico dietro Odissey Dawn ma che si aspetti un colpo di scena o un colpo di fortuna…

_____________________________________________________________________________________________

Appare oramai evidente che la Coalizione dei Volenterosi è divisa e senza una strategia comune. Ci spiace per Cameron e per Sarkozy, ma non ci si improvvisa Bush in un mesetto. Sul campo sembra oramai evidente che i cosiddetti ribelli della Cirenaica non rappresentano tutto il popolo libico e non sono in grado di sfondare le linee dei lealisti. Questo è un grave problema perchè significa che Odissey Down è ad una svolta: o Escalation Militare, o soluzione Diplomatica. Intanto va in scena tutta l’incompetenza dei sedicenti grandi statisti dell’Occidente. Già la Turchia e la Russia, oltre che la Cina, si propongono con forza come supepotenze anche diplomatiche pronte a sostituire perfino gli USA. Figuriamoci l’Europa.

Escalation Militare. La soluzione più rapida ma più spregiudicata è quella di armare i ribelli della Cirenaica.L’altra è prendere in considerazione l’intervento diretto di truppe di terra della NATO. In entrambi i casi esattamente quello che si era  promesso solennemente che non si sarebbe mai fatto. Complimenti agli strateghi della Legione Straniera e di Sua Maestà. E’ pericoloso armare una fazione durante una Guerra Civile (perchè questo è quello che c’è in Libia). Così come nessuna opinione pubblica,  nemmeno quella francese, accetterebbe uno scontro diretto di propri soldati contro le milizie di Gheddafi magari in uno scenario da Stalingrado, o da Gaza che dir si voglia. Per non parlare dell’opinione pubblica araba che leggerebbe giustamente la cosa come l’ennesima prova di neocolonialismo occidentale. Decisamente pericoloso.

La Soluzione Diplomatica. Difficile convincere il Raìs all’esilio. Più facile convincere i suoi figli ed i suoi fedelissimi e soprattutto sarebbe la soluzione caldeggiata dalla Lega Araba e dell’Unione Africana. Il vero problema sarebbe convincere Sarkozy (e la Total) e Cameron (e la BP). Soprattutto perchè l’Italia riprenderebbe un ruolo attivo insieme alla Turchia. Ma si eviterebbero ulteriori scontri ed ulteriori distruzioni e soprattutto si potrebbe immediatamente pensare alla ricostruzione.

Nel frattempo la Coalizione dei Litigiosi abbandona l’Italia al se stessa, decide che va tutto bene, ma anche no, e che nel frattempo i raid continueranno fino a data da destinarsi. Traduzione: non abbiamo la più pallida idea sul da farsi, ma speriamo in un colpo di fortuna. O un colpo di scena che salvi la faccia a tutti quanti…

Bookmark and Share

Explore posts in the same categories: Mondo

%d blogger cliccano Mi Piace per questo: