Fare presto, fare da soli…

______________________________________________________________________________________________

Inutile invocare aiuti dalla UE. I clandestini nessuno li vuole nonostante la Guerra. Dobbiamo cavarcela da soli senza aver paura di adottare provvedimenti straordinari. Senza più temere i giudizi di questa Europa ipocrita e senza vergogna…

______________________________________________________________________________________________

Mentre il Governo temporeggia aspettando un aiuto che non verrà (se non a parole) da parte della UE, Lampedusa e Ventimiglia rischiano di scoppiare come Manduria. Mettiamocelo in testa: dobbiamo per l’ennesima volta cavarcela da soli ed è inutile azzuffaci fra di noi. Con un senso di fastidio assistiamo allo sciacallaggio della Sinistra e di certi meridionali che invece di invocare l’apertura di campi profughi in Padania dovrebbero, come noi, chiedere che i clandestini vengano ospitati in massa nei giardini dell’ONU oppure al Parlamento di Bruxelless, se non proprio sugli chans elise, in modo che tutti i francesi potranno ammirare i risultati della Sarkoguerra.

Noi lo diciamo da Settimane: finirà che gli altri si prenderanno il petrolio e a noi rifileranno i clandestini. Previsione azzeccata. Era facile. E perchè nessuno, al Governo quanto all’Opposizione sedicente “responsabile” ci ha pensato? Forse è vero che questo Paese ha bisogno di un cambio di classe dirigente…

A questo punto anche noi sosteniamo la necessità di un Consiglio dei Ministri Straordinario a Lampedusa, così com’è stato fatto a L’Aquila o a Napoli. Un Consiglio dei Ministri sul luogo della catastrofe che abbia il coraggio di prendere decisione straordinarie per la salvaguardia del nostro interesse nazionale e delle nostre frontiere. Ridiscutere gli accordi capestro di Prodi con la Francia, ridiscutere il Frontex con la UE, agire con respingimenti di massa in Tunisia, senza aspettare pareri e senza ascoltare proteste da Bruxelless. Magari costruendo anche nostre spese dei campi profughi in Tunisia, o nella Bengasi con le bandierine francesi. Evitare di ascoltare ancora le banalità di Bertone o di Napolitano sarebbe già un buon inizio. Siamo stati lasciati da soli e da soli dobbiamo uscirne. Grazie Europa…

Bookmark and Share

Explore posts in the same categories: Italia

3 commenti su “Fare presto, fare da soli…”

  1. Nexus Says:

    Frattini a quando pare continua ad inseguire la linea comune.
    Appena uscito dal vertice di Londra ha detto, riferendosi a Gheddafi, che “le sue azioni devono essere giudicate dal tribunale internazionale, e la coalizione internazionale non può promettergli un salvacondotto”.

    Se gli alleati escludono così di offrire al Rais l’unico motivo per cui potrebbe accettare di farsi da parte (la libertà in esilio), potete contare che sarà una lunga guerra all’ultimo sangue, perchè non ce lo vedo proprio Gheddafi che decide di andare a fare compagnia in cella a Milosevic !

    • andrea Says:

      Milosevic non è in cella ma nella propria residenza di 10 ettari vista mare nella Tessaglia (Grecia) …informati

      • Nexus Says:

        Forse parliamo di Milosevic diversi…io intendo Slobodan Milošević, ex presidente della Serbia.
        Comunque mi ero dimenticato di un dettaglio, è morto nella sua cella all’Aia nel 2006 !


I commenti sono chiusi.


%d blogger cliccano Mi Piace per questo: