Se in Giappone ci fossero loro…


______________________________________________________________________________________________
La terra trema, il mare si gonfia, la gente corre e muore. Ma se in Giappone ci fossero stati loro, già dal primo giorno la priorità sarebbe stata una sola: “trovare i responsabili!”. Ovviamente sempre gli stessi. L’Apocalisse nipponica dovrebbe farci riflettere su quanto piccoli siamo noi uomini rispetto alla Natura, e di quanto piccole e strumentali sono le polemiche provinciali che si fanno in Italia ad ogni emergenza…

_____________________________________________________________________________________________

La conclusione sarebbe una sola: il Premier si deve dimettere. Questo direbbero i democratici giapponesi. E’ evidente che questa tragedia poteva essere evitata se il Governo avesse varato un piano di prevenzione prima e di rapida evacuazione poi. Un Floris da Tokyo avrebbe poi sparato un fresco sondaggio di Pagnoncelli-san che faceva notare come dopo il Terremoto la Fiducia nel Governo era diminuita del 5%, ma dopo lo Tsunami anche del 10%. Un dato incontrovertibile. La Bindi nipponica avrebbe invocato un Governo di Coalizione e di salvezza nazionale per ricostruire il Paese dopo il disastro causato dallo Shogun di Arcore.

Secondo la Guzzanti era tutto già previsto. Un diabolico piano per gestire il malaffare della Ricostruzione delle aree distrutte. In combutta con la Yakuza, avrebbe rincarato la dose, il messia shintoista Saviano-san. Grillo e Fo avrebbero invocato l’esilio per il Premier sul tetto galleggiante al posto del poveraccio appena salvato dalla furia del mare. E, soprattutto, bisogna trovare e punire i responsabili, suggerivano veementi Santoro e Di Pietro, che la Magistratura si dia da fare! Il popolo delle carriole radioattive avrebbe invaso Tokyo mentre arrivava la notizia che la Protezione Civile, le Forze Armate, i pompieri e i dirigenti di tutte le Centrali Nucleari erano indagati per omicidio colposo…

A parte gli scherzi. Quanto piccoli siamo noi uomini al cospetto della Natura che ci illudiamo di dominare. E quanto patetiche sono state e sono tutt’ora certe polemiche strumentali dei professionisti dell’odio, sciacalli sulle macerie, e difensori dell’assurdo…

Bookmark and Share

Explore posts in the same categories: Cose Così

6 commenti su “Se in Giappone ci fossero loro…”

  1. Nexus Says:

    A sentire parlare i soliti noti tuttologi in tv sembra quasi che sperino in un disastro nucleare, una bella fusione del combustibile nucleare in stile Homer Simpson per poi poter strumentalizzare la vicenda in Italia.
    La centrale di Fukushima risale ad un progetto di quasi 50 anni fa, è più vecchia persino di una delle nostre vecchie centrali italiane, non so se mi spiego !!!
    Come si fa a fare un dibattito serio se gli sciacalli nucleari non ammettono che adesso è tutto diverso ? E’ come paragonare l’informatica di 40 anni fa con quella di oggi !
    AGGIORNAMENTO: ci fanno sapere che il grave malfunzionamento alle pompe di raffreddamento che avrebbero dovuto mettere in circolo il liquido refrigerante, sono state messe fuori uso dall’acqua dello tsunami, e non dal terremoto.
    Tutti i giornali parlano giustamente di pericoli, ma invece di fare discussioni serie pensano a cavalcare la paura e le superstizioni della gente. Ormai per molti la parola “nucleare” è diventata come “gatto nero” !
    I giornali dovrebbero aprire in prima pagina con una bella gigantografia di Enrico Fermi, grande italiano, il primo a ottenere il 2 dicembre 1942, a Chicago, la prima reazione a catena controllata. La “pila” di Fermi !

    • andrea Says:

      cosa centrano Santoro Saviano e Floris nel “se in giappone ci fossero loro…”???? Mistero di una mente…LIBERAL CONSERVATORE, che come sappiamo benissimo meglio sarebbe dire LIBERAL ASSISTITO DALLO STATO
      Giù la maschera berlskone’s!!


      • Ha ha ha !!!! Veramente ASSISTITI DALLO STATO sono LORO, MICA IO!!!! Ma che cazzo dici? Spiegati meglio, Santoto, Saviano e Floris (come tutti fgli altri) beneficiano di contributi statali, io me la cavo da solo…su questo argomento mi incazzo sul serio proprio perchè smaschero i raccomandati…

    • andrea Says:

      Già, tu smascheri, allora smaschera anche G. Ferrara che per 5 minuti di programma al giorno prende 3.5 miliardi delle vecchie lire…altro che Santoro, solo 700 (lorde) mila euro per un anno intero (un poveraccio al confronto col grasso Ferrara) . Smaschera anche Minzolini, Riotta Minum, Belpietro, Sallusti, Feltri, lautamente finanziati col denaro pubblico

      • Nexus Says:

        Ferrara prende in proporzione a quanto fa guadagnare con i suoi 5.800.000 ascoltatori.
        Esattamente come tutti gli altri.


      • Dipendesse da me licenzierei tutti e manderei la vergognosa RAI alla pensione…però fatto questo la Sinistra perderebbe la metà della sua Propaganda, e lo sai anche tu…


I commenti sono chiusi.


%d blogger cliccano Mi Piace per questo: