Scorie Emotive Radioattive

______________________________________________________________________________________________

Sull’onda della emotività per il disastro di Chernobyl l’Italia rinunciò al Nucleare rinunciando al contempo ad essere una grande potenza economica. Oggi si specula vergognosamente sul Terremoto e sullo Tsunami in Giappone per agitare le piazze contro il ritorno all’atomo previsto dal Governo. Decidendo sull’onda emotiva di una catastrofe naturale, non nucleare, il risultato potrebbe essere oggi come allora, quasi comico: l’Italia rinuncerà al Nucleare, il Giappone no…

____________________________________________________________________________________________

Le Centrali Nucleari sono pericolose. Ma non più pericolose o inquinanti delle raffinerie, degli inceneritori o della monnezza bruciata per strada. Nelle Centrali Nucleari possono verificarsi incidenti pericolosi. Specie a causa di un Terremoto epocale che ha superato il 9 Grado Richter ed uno degli Tsunami più imponenti della Storia dell’Uomo sulla Terra. Finchè non saranno disponibili Energie alternative e pulite per tutti, l’Energia sarà per ancora molti decenni quella che abbiamo oggi. E l’Energia Nucleare è una delle più sicure e convenienti.

L’Italia era un Paese all’avanguardia nel campo dell’Energia Nucleare. Poi avvenne il disastro di Chernobyl e cambiò tutto. Ma a ben guardare quel disastro non è stata una tragedia del Nucleare “in sè”, ma una tragedia del Regime Sovietico. Ne parlammo qui. Centrali Nucleari colabrodo sono tutt’ora presenti in tutti i Paesi dell’ex Patto di Varsavia. Sistemi di Sicurezza inadeguati, personale non specializzato, assenza di piani di Emergenza e così via. Ma a qualcuno in Italia tanto bastò per dichiarare il Nucleare pericoloso ed agire sull’onda dell’emotività terrorizzando la popolazione. Il risultato è sotto gli occhi di tutti. L’Italia ha le bollette più care d’Europa, è in perenne crisi energetica, è costretta a comprare energia (Nucleare!) dagli altri Paesi. Si perchè, solo noi rinunciammo all’atomo. Bei Pirla…

Oggi, quando finalmente si riprende a parlare di Nucleare e di Energia indispensabile per un Paese che vuole crescere e svilupparsi, gli “ambientalisti” e i talebani antinuclearisti, presi dal panico del loro fallimento ideologico, speculano vergognosamente sul Terremoto  e sullo Tsunami in Giappone per agitare di nuovo lo spauracchio del Nucleare, sperando che, anche stavolta, le decisioni vengano prese sull’onda dell’emotività e non attraverso un ragionamento freddo e logico. Ulteriore prova della inaffidabilità della cosiddetta classe dirigente del nostro Centro-Sinistra.

Ascoltando questi comici terroristi (nel senso che terrorizzano la gente diffondendo falsità e speculando su tragedie che con il nucleare non c’entrano nulla) avremo un risultato non solo catastrofico dal punto di vista energetico per l’Italia, ma anche comico, una beffa nella beffa. Seguendo i loro bislacchi ragionamenti, come vent’anni fa, arriveremo al punto che, dopo il disastro in Giappone, l’Italia rinuncerà nuovamente al Nucleare, ma il Paese del Sol Levante no…più in gamba di così…

Bookmark and Share

Explore posts in the same categories: Italia

9 commenti su “Scorie Emotive Radioattive”


  1. Alla fine arriva michele e rivela il livello del Centro- Sinistra italiano. Travagliati nel cervello. No-Nuke perche sarà impregilio a costruire le Centrali e quindi berlusconi e quindi la mafia e quindi ecc.ecc.ecc. Meno Travaglio, più ragionamento, cari miei, anche se oramai ragionare con voi è una causa persa…

    • michele227 Says:

      A differenza tua io faccio funzionare il mio cervello, non ho bisogno di ascoltare quello che dicono gli altri per farmi un’idea.
      Visto che sei così amico dell’atomo, spero che costruiscano una centrale il più vicino possibile a casa tua.

  2. Nexus Says:

    Questo terremoto è uno spot a favore del nucleare.
    Il quarto terremoto più forte della storia dell’umanità ed uno tsunami devastante non hanno recato danni strutturali neanche ad un reattore nucleare sui 55 presenti in Giappone.
    I 2 reattori in difficoltà si sono spenti regolarmente appena percepito il terremoto ed hanno gravi problemi a causa di un malfunzionamento all’impianto di raffreddamento. Questi reattori dell’impianto di Fukushima sono di una tecnologia obsoleta, vecchia 45 anni.
    Tutti gli altri reattori, sia nuovi che più vecchi hanno resistito perfettamente.
    Quelli che si dovrebbero costruire in Italia sono ancora più sicuri e comunque verrebbero installati in zone non sismiche, ma non credo che ci sarà il coraggio di farli, è meglio prendersi in giro dicendo che ce la caveremo solo con il sole e le pale eoliche. Nel mentre in Giappone costruiscono altre 10 centrali e noi tra 30 anni rischiamo di non avere elettricità o di comprarla in maggioranza dall’estero.

    • Giuseppe Del Giudice Says:

      Assolutamente d’accordo. Sarà un Boomerang. Aspettiamo ancora un pò e poi sarà chiaro a tutti. Nel frattempo appunto dobbiamo aiutare tutti a capire la disinformazione degli antinuclearisti a prescindere, che vogliono pale eoliche e pannelli solari inutili a noi, utili alle speculazioni…

  3. vittorio sergi Says:

    P.S. Le bollette in italia sono care perchè paghiamo il 6% per le rinnovabili che i governi di destra e di sinistra donano ai fabbricanti dEGLI INCENERITORI. Care torrette lucane se volete fare informazione non potete scrivere fregnacce sul blog…potreste passare per “cazzoni disinformati”…INFORMATEVI!!!!!!!!

    • Giuseppe Del Giudice Says:

      Guarda che sei tu un disinformato che recita a pappardella la solita solfa letta magari su Il Fatto. Noi siamo L’UNICO Paese Occidentale senza Nucleare. E questo è un dato incontrovertibile…

  4. vittorio sergi Says:

    In Giappone, Oggi 14 marzo 2011 è saltata in aria la seconda “centrale sicura” del partito del nucleare, ma che ce ne frega a noi del Giappone e delle sue centrali del cazzo…le nostre saranno piu’ belle e più sicure delle loro, e le scorie le buttiamo dove cazzo ci pare, non è un caso che la ndrangheta tramite il politico della PDL (CRISTOFARO) faceva da apri pista ai capitali della mafia nella scalata alla FINMECCANICA. Proprio nel settore smaltimento. Grandi voi della torre lucana.
    p.s. quanto fichi secchi vi passa l’eni a voi lucani per i pozzi petroliferi che gli avete regalato?????

    • Giuseppe Del Giudice Says:

      In Giappone caro “cazzone disinformato” non è saltata in aria la centrale come avrai letto su Il Fatto e sono in difficoltà (dopo un Terremoto del 9 grado ricther!) 4 centrali di seconda generazione (cioè degli anni ’50)…esattamente quelle che NON saranno costruite in Italia…semplice…


I commenti sono chiusi.


%d blogger cliccano Mi Piace per questo: