Rappresaglia delle Toghe: Fini “graziato” sul Caso Montecarlo

______________________________________________________________________________________________

L’Assoluzione era molto probabile, ma l’Archiviazione, francamente, appare un regalo a Fini ed una Rappresaglia verso chi ha proposto la Riforma della Giustizia. Perchè per molto meno altra gente è stata rinviata a giudizio ed è rimasta sotto inchiesta per anni. Sempre più evidente che la Giustizia viene amministrata in nome della Magistratura e dei suoi interessi, non del popolo italiano…

______________________________________________________________________________________________

Siamo contenti (sinceramente) per Gianfranco Fini e cognato. Contenti personalmente perchè è sempre umanamente positivo che una inchiesta qualunque finisca con il dimostrare l’innocenza dell’indagato. Rimaniamo basiti di fronte all’ennesimo esempio di Giustizia ad personam, amministrata cioè a seconda dell’imputato. Si perchè di elementi per avviare un Processo ce n’erano a bizzeffe. Ricordiamo che oggi in Italia si va a finire in Tribunale per molto meno. Per qualche sms ambiguo, per qualche conversazione di troppo, per un pettegolezzo le dichiarazioni di qualche “supertestimone” assolutamente inattendibile. Ma, appunto, dipende dai casi e soprattutto, dalle persone.

Una classe politica formata essenzialmente da esperti immobiliaristi. Gente che riesce a comprare casa in centro a Roma o a Montecarlo a prezzi stracciati, per sè o per i parenti. Certo, fin’ora ha pagato solo Scajola e ci si è occupati della cucina “di ben altra classe” ad Antigua più che della Scavolini a Montecarlo. Perchè appunto dipende dalle persone. Ad Personam, come ripetono pappagallescamente da anni i fans del giustizialismo e, dicono, della legalità. Appunto. Una Archiviazione ad personam

Bookmark and Share

Explore posts in the same categories: (In)Giustizia

9 commenti su “Rappresaglia delle Toghe: Fini “graziato” sul Caso Montecarlo”


  1. Celbroleso sarai tu, semmai, inoltre gli argomanti che perfino la Torre cita sono più che consistenti…oppure anche tu sei tra quelli che con 300.000 euro si è comprato un appartamento in centro a Montecarlo. Non so…siccome credo che anche tu, nel tuo piccolo come nel nostro, qualcosa di prezzi immobiliari ne capisce per esperienza, dimmi pure come la pensi su QUESTO, senza lasciarti radioattivare il cervello dall’antiberlusconismo militante…

  2. Alexein Says:

    @ Frank allora il prezzo dell’ immobile non era congruo. Nel 98 era stato valutato intorno ai 300.mila euro, vendita o svendita dopo 10 anni 330 mila euro quando il valore del mercato attuale è superiore al milione di euro..
    Fini non è stato dichiarato innocente, ma secondo i giudici se reato c’è stato è di rilevanza civile e non penale …
    e cmq la casa ormai è acclarato appartiene al cognato e Fini adesso lo sà…
    Alessandro

  3. frank Says:

    E io lo chiedo a te. Fini graziato dalla giustizia? Magari era davvero innocente. A me pare di ricordare che il prezzo di vendita della famosa casa fosse alla fine stato valutato congruo. Graziato, viceversa, mi è parso Berlusconi al processo Mondadori, visto che il meno colpevole Prveiti si è beccato sette anni e l’interdizione dai pubblici uffic e lui nemmeno una lavata di capo.


    • Certo come no, 300.000 euro in Centro a Montecarlo sono un prezzo congruo. Lo dicono i Giudici. Peccato che per 75 mtq in periferia non solo a Montecarlo, ma anche a Roma, ci vuole il triplo. Chiedere Veltroni…

  4. vittorio sergi Says:

    le solite TOGHE NERE DEI FASCISTI graziano lex MISSINO Gianfranco Fini.
    Grazie per il prezioso lavoro di informazione a voi della torre della Lucania

    • Giuseppe Del Giudice Says:

      Prego non c’è di che… Infatti in molti si stanno chiedendo come mai per qualcuno vige il più largo garantismo e per qualche altro il più becero giustizialismo…e non solo noi!!!

      • giovanni Says:

        L’impianto accusatorio nei riguardi di Fini ( politico che non stimo causa una sua manifesta codardia politica…ricordiamoci che continua ancora oggi a tirar fuori dai guai berlusconi) da parte della Torre, non fa piu’ ridere i polli (saranno meno schiocchi loro dei redattori della Torre?). Aizzare i magistrati alla ricerca di un reato che non esiste fa parte della cultura servile di un buon Sallusti, ( questo giornaletto pare ricopi pari pari gli articoli del giornale della famiglia Berlusconi)..INSOMMA ROBACCIA PER CELEBROLESI


I commenti sono chiusi.


%d blogger cliccano Mi Piace per questo: