Speriamo che sia Epocale…

______________________________________________________________________________________________

Adesso ci si mette pure Lady Napolitano a “criticare” il Premier. E guarda caso sulla Giustizia. Ma il problema vero non è Berlusconi, ma che la Riforma da lui promessa alla fine sia tutto meno che “epocale”…

______________________________________________________________________________________________

Ci mancava Clio Napolitano per fermare non tanto il Premier, quanto la vitale Riforma della Giustizia di cui questo Paese ha urgentemente bisogno. La First Lady parla raramente e quando lo fa, guarda caso, lo fa per difendere, indirettamente, i Magistrati…

“Clio Bittoni, da cinquant’anni a fianco di Giorgio Napolitano, chiede di «non usare più termini come ”escort” o ”epocale”

Non c’entrava niente, ma Lei ha dovuto dirlo per forza. Noi invece speriamo che il Governo proponga una riforma che sia Epocale sotto tutti gli aspetti, e lo facciamo perchè non abbiamo paura di dire quello che pensiamo, a differenza di tanti altri sedicenti “uomini” liberi.

Speriamo che sia Epocale. Speriamo che reintroduca l’Immunità Parlamentare. A tutti quelli che vanno in piazza, Scalfaro compreso, ricordiamo che i nostri Padri Costituenti avevano, guarda caso, previsto l’Immunità Parlamentare nella Costituzione. Tutti quelli che scenderanno in Piazza il 17 Marzo “in difesa della Costituzione” o tutti quei Magistrati che protestano “con una copia della Costituzione in mano”, dovrebbero, se fossero intellettualmente  onesti, ricordarlo. Era il 28 ottobre 1993, 71° anniversario della marcia su Roma. Il Senato approvava in seconda lettura, e il Parlamento definitivamente, la Legge Costituzionale che modificava l’ articolo 68 della nostra Carta. Si chiama(va) bilanciamento dei Poteri Costituzionali, Istituto così frettolosamente abolito da un Parlamento sotto assedio: chi non votava era “avvisato” ed esposto al pubblico ludibrio. Ripetiamolo per i duri d’orecchi: un Istituto Costituzionale abolito in fretta e furia con l’avallo del Presidente della Repubblica dell’Epoca, Oscar Luigi Scalfaro, che oggi, Leader del Popolo Viola, si indigna anche per le piccole proposte di riforma della Costituzione…

Speriamo che sia Epocale. Speriamo che introduca la Separazione delle Carriere dei Magistrati. Chi giudica e chi accusa non possono essere colleghi perdipiù interscambiabili nel ruolo. Più che un istituto giuridico (vigente in quasi tutti i Paesi occidentali, gli stessi che poi la Sinistra per altri motivi e spesso a sproposito, cita come “esempi” per l’Italia) è un Istituto di buon senso. Solo Travaglio lo indica come una “invenzione” di Licio Gelli. Allora gli USA e la Gran Bretagna sono Stati piduisti…? Ma non scherziamo, il Giovedi sera…

Speriamo che sia Epocale. Speriamo che limiti l’Uso e la Pubblicazione delle Intercettazioni. Intercettazioni solo per i Reati più gravi e con l’autorizzazione della loro divulgazione solo a ridosso del Processo. Pesanti sanzioni non per i giornalisti, ma per Magistrati titolari delle Inchieste che non vigilano sulla stretta osservanza del Segreto Istruttorio e che diffondono, ad arte, le intercettazioni, i verbali degli interrogatori, i contenuti di una inchiesta al solo fine di sputtanare l’Indagato. Solo in Italia si può intercettare chiunque e si può violare il Segreto Istruttorio senza conseguenze. Che i fans del Prescritto Travaglio si informino su come funziona negli altri Paesi…

Speriamo che sia Epocale. Speriamo che agisca sulla Durata dei Processi. Il Processo dovrebbe essere una cosa seria ed invece è, così com’è, esso stesso una pena inflitta sia all’imputato che alla parte lesa. Si deve andare a Processo solo se si è in presenza di un Reato gravissimo, che desta lo sgomento e l’allarme della società, e non anche per un furto al supermercato. Si deve agire anche sulla Depenalizzazione di alcuni Reati e sulla Pena inflitta per altri. In Galera solo se si è socialmente pericolosi e violenti. Un truffatore deve restituire i soldi a chi li ha rubati, non finire, inutilmente, in gattabuia causando un doppio danno: chi è stato truffato perde comunque tutto, ed il delinquente finisce in galera, a spese dello Stato, dove potrà conoscere altri criminali peggiori di lui per poter  affinare le sue capacità a delinquere.

E così via. Ci sarebbe da discutere per decine di post. Ma noi ci fermiamo qui e diciamo che oltre che fan del “Machete”, siamo fan dell’“Epocale”

Bookmark and Share

Explore posts in the same categories: (In)Giustizia

2 commenti su “Speriamo che sia Epocale…”


  1. Infatti. Una delle cose che non ho sopportato delle prime proposte del PdL sulle Intercettazioni è proprio questa: se un giornalista pubblica qualche notizia riservata, che si chiami Travaglio o Assange, è criticabile ma non imputabile di qualche Reato (a parte la Sicurezza nazionale). Sono i MAGISTRATI a dover essere puniti perchè il rispetto del Segreto Istruttorio dipende da loro!!!!!!!

  2. Nexus Says:

    Sono d’accordo, non bisogna punire i giornalisti, ma i magistrati o la polizia giudiziaria che comunica intercettazioni o verbali segretati ai giornalisti.
    Cercare di punire i giornalisti apre un nuovo fronte polemico e poi non credo che sarebbe sempre efficace come prevenzione, ma se un magistrato rischia di perdere l’inchiesta o si prende una sospensione allora sono sicuro che farà di tutto per tutelare i diritti dell’indagato.
    La separazione delle carriere l’aspettiamo dal ’94 ed è una di quelle cose importanti che non si sono mai fatte per vari motivi, e su questo l’accusa di legge ad personam non regge !


I commenti sono chiusi.


%d blogger cliccano Mi Piace per questo: