Se Ruby è la Priorità della nostra Giustizia…

______________________________________________________________________________________________

Per il Presidente del Tribunale di Milano, Livia Pomodoro, il “Caso Ruby” è una priorità . Intanto la bella marocchina sedicente egiziana se la spassa al Ballo delle Debuttanti a Vienna. E la Giustizia italiana appare non solo sempre più politicizzata, ma sempre più incredibilmente ridicola…

______________________________________________________________________________________________

Salvate la Giustizia da Ruby. Si, avete letto bene. Non è Silvio che dobbiamo salvare, ma la Giustizia. E’ sempre più chiaro che tutto il Caso Ruby è una buffonata, una ridicola montatura mediatica, una vergognosa macchinazione politicizzata. Lei è a Vienna a godersi il ballo delle Debuttanti. Berlusconi governa paradossalmente anche meglio senza  Fini e Casini. La Giustizia italiana è al collasso. Ma il caso Ruby, per il Presidente del più importante Tribunale italiano, è una priorità. Se Travaglio fosse una persona meno faziosa e meno ipocrita direbbe, fermi tutti, voglio scendere…

Qualunque cittadino italiano sa come funziona la Giustizia in questo Paese. La Giustizia Penale è al collasso, quella Civile morta e sepolta da decenni, quella Amministrativa in coma irreversibile. Migliaia di italiani ogni giorno ciondolano da una Aula di Tribunale all’altra aspettando l’ennesimo rinvio. Sappiamo anche che l’Italia spende anche qualcosa di più rispetto agli altri Paesi europei per la Giustizia. Sappiamo anche di avere il più alto numero di Magistrati e di agenti in servizio.

Eppure la Giustizia italiana è considerata la peggiore del Mondo Occidentale. Però veniamo a sapere che da Mesi centinaia di agenti circondano Arcore eseguono pedinamenti ed intercettazioni a catena. Colpo di Scena: la Boccassini annuncia che il Tribunale di Milano ha finito i soldi, quindi inchieste sul narcotraffico e sulla ‘ndrangheta non potranno più essere svolte. Pochi giorni dopo il Presidente dello stesso Tribunale dice che comunque il Caso Ruby è una Priorità.  Statistiche del ministero Affari Sociali, del 2007/2009, confermate dal Gruppo Abele confermano che a Milano ci sono circa 20.000 prostitute, di cui un buon 6% minorenni. Evidentemente alla Procura di Milano ne interessa una in particolare ed un cliente in particolare…e non sono nemmeno sicuri di quello che fanno…

No, non è una sceneggiatura di Mel Brooks, è la Giustizia italiana…


Bookmark and Share

Explore posts in the same categories: (In)Giustizia

One Comment su “Se Ruby è la Priorità della nostra Giustizia…”

  1. Nexus Says:

    E si, i problemi di Milano sono proprio le feste private e le libere scelte delle persone che ne prendono parte !
    Ma la Boccassini non dovrebbe indagare sulle mafie ? Saviano non aveva detto che il nord è mafioso ?
    Questa è solo l’ennesima strategia per far cadere il governo, visto che è chiaro a tutti che non c’è stata né concussione (lo dice lo stesso ex questore che infatti non è indagato), né prostituzione minorile visto che nessuno giura dice che Ruby abbia fatto sesso col presidente e comunque non ci sono ne foto ne filmati che lo provano.
    Volevano lo show mediatico e questo hanno avuto.
    Chi paga tutto questo ? L’italia !
    Le opposizioni dicono che siccome ne paga l’immagine dell’Italia allora Berlusconi si dovrebbe dimettere ma questo è un ragionamento assurdo, visto che l’indagine c’è proprio per spingerlo a dimettersi.
    Berlusconi aveva i processi nel 1994, 95, 96, 97, 98, 99, 2000, 01, 02, 03, 04, 05, 06, 07, 08, 09, 10, 11 ! Quindi secondo il folle ragionamento che vorrebbe le dimissioni di qualsiasi indagato, Berlusconi non avrebbe mai e poi mai potuto fare politica ! Insomma, sono i giudici che devono decidere chi deve fare politica.
    Berlusconi ha si un grosso demerito, e cioè che nel 2001, appena eletto, avrebbe dovuto ristabilire il vecchio articolo costituzionale che prevedeva l’indipendenza del potere legislativo dal potere giudiziario, insomma la civilissima immunità ! Senza di questa, il dibattito politico è fermo da 17 anni, si parla solo dei processi di Berlusconi.


I commenti sono chiusi.


%d blogger cliccano Mi Piace per questo: