Caro Silvio vai a difenderti, ma in TV

______________________________________________________________________________________________

La Procura di Milano sta celebrando l’ennesimo Processo mediatico a Berlusconi. Le tesi dell’Accusa sono sostenute giornalmente su Radio, Giornali e Televisioni dai soliti giornalisti ed opinionisti schierati. Berlusconi non pensi di potersi difendere in Tribunale. Occorre contrattaccare di persona, ma in TV.

______________________________________________________________________________________________

Basta messaggi ingessati. Basta telefonate in diretta. Adesso il Presidente del Consiglio si scusi con il Governo e con gli italiani ed annunci solennemente questa svolta politica che tutti si aspettano. Cari italiani, cari colleghi, sarò costretto a sottrarre un pò del mio tempo all’azione di Governo per potermi difendere da questo ennesimo Processo politico. Sarò infatti costretto a partecipare ogni giorno ad almeno uno dei tanti programmi televisivi che quotidianamente espone le tesi e le carte della Procura di Milano per potermi così difendere di persona da questi incredibili e chiaramente strumentali attacchi mediatico-giudiziari.

Quanta ipocrisia e quanta ignoranza nelle tesi da Bar dello Sport sostenute dai Floris e dai Lerner di turno.“Berlusconi vada a dire quello che sa dai Giudici!” E perchè dai Giudici se questi parlano in televisione e nelle piazze? Troppo facile. La Procura di Milano ha deciso che questo processo sia mediatico, e che si celebri ad Annozero, a Ballarò e su Repubblica? Benissimo, è lì che Berlusconi si deve presentare non in Tribunale. In quel luogo triste e pieno di ingiustizia e dolore ci mandi l’Avvocato\Esorcista Ghedini, che anche fisicamente appare avvezzo a frequentare simili edifici degni di un racconto di Edgar Allan Poe.

Ha ragione Giuliano Ferrara. Questo è un punto di non ritorno e non bastano più i toni pacati e responsabili di chi si sente anche il peso delle Istituzioni sulla schiena. Come se le altre Istituzioni si stiano comportando con rigore, sobrietà o distacco! Ogni giorno, dalle prime ore dell’alba fino a notte fonda è un susseguirsi di programmi, approfondimenti, talk show, incontri, interviste, servizi, su radio , televisioni e giornali tutti tesi a far conoscere al pubblico\elettorato le tesi dell’Accusa. E’ li che deve presentarsi anche la Difesa.

Certo, è un programma di lavoro intenso. Da Lunedì a Domenica. La Sinistra grazie anche al lassismo del PdL  ha occupato oggi più che mai tutti gli spazi disponibili, Sanremo incluso. Ma è anche l’unico contrattacco possibile. Basta assistere ad un presuntuosetto raccomandato come Floris che si rifiuta di farla parlare in collegamento al telefono nella sua trasmissione pagata però da noi. Lo chiami ma solo per avvisarlo che lei sarà presente in studio. E poi butti giù il telefono. Si presenti anche ad Annozero. Travaglio e Santoro sanno parlar male solo degli assenti, come tutti i vigliacchi. Vada ad Agorà e chieda a Vianello come mai da più di un Mese la sua trasmissione “di approfondimento” della mattina ha approfondito soltanto l’efficienza della sua prostata. Rimanga in studio anche quando subentra Mirabella e gli chieda di parlare con un altro grande dongiovanni della Storia italiana, il generale Garibaldi, che lui si ostina a chiamare comandante per confonderlo con Che Guevara. Vada a Parla con Me e chieda che la trasmissione cambi titolo e si chiami per quello che effettivamente trasmette, “Parla di Me”. Vada da Fazio e ricordi il vostro amico in comune Bettino Craxi. E via così…

Quanto ci scommette che il già incazzatissimo elettorato di Centro-Destra il giorno dopo sarà non più rilassato, ma addirittura più incazzato di prima e che aspetterà solo l’ennesima battuta del collega-coglione di turno, stavolta per riempirlo di simpatici improperi? E quanto ci scommette che Bersani, Fini e perfino Napolitano riprenderanno a dire: ” Il Voto? Sarebbe un danno per il Paese”..? E stavolta non per preparare un ribaltone, ma per evitare un tracollo elettorale…

Bookmark and Share

Explore posts in the same categories: Italia

6 commenti su “Caro Silvio vai a difenderti, ma in TV”


  1. E’ pazzesco. Non si rendono conto che stanno facendo entrare Silvio Berlusconi nella storia come il più grande perseguitato di tutti i tempi. Fra venti anni diranno che hanno sbagliato tutto. Come fanno oggi con Craxi. La sx giudiziaria è la cosa peggiore che l’Italia abbia mai conosciuto dopo il fascismo.
    Ciao, Sorvy (www.sorvegliatospeciale.wordpress.com)

  2. Nexus Says:

    Dopo una breve ricerca, ho trovato informazioni sulle 3 giudicesse che giudicheranno Berlusconi. 2 di queste sono antiberlusconiane pure, e di una di loro c’è anche una foto con lei che espone un cartello contro le politiche del governo Berlusconi ed in difesa dei loro privilegi. Secondo me la sentenza è già scritta, l’unica speranza è il tribunale dei ministri.

  3. Nexus Says:

    Le uniche trasmissioni di approfondimento politico non di sinistra sono porta a porta, l’ultima parola e matrix, che però hanno sempre gli ospiti alla pari e non tutti contro uno o due o zero come succede a sinistra. Vanno in onda tutte tra mezzanotte e l’1:30. Vespa e Vinci per di più parlano di politica solo raramente, non tutte le puntate.
    La7, Rai3 e Rai News hanno tutto il palinsesto contro Berlusconi, ma se rai3 ha discreti ascolti, non si può dire altrettanto di rai news. Infatti a fronte di molti giornalisti e costi alti, raggiungono solo poche decine di migliaia di spettatori, quando gli va benissimo 70.000 in tutta Italia ! Oggi miracolosamente hanno invitato uno di centrodestra (evento storico), c’era Nania che spiegava al mitico Corradino come funzionano i processi, o come dovrebbero funzionare in teoria secondo la legge.


  4. E’ un continuo, dall prime ore dell’alba fino a notte fonda. E’ un bombardamento. Ed il bello è che fanno pure “i censurati”!!!!!

  5. Nexus Says:

    Io ultimamente non guardo più con regolarità le trasmissioni di approfondimento, ma stasera per sbaglio ho messo “parla con me”, e indovinate di cosa parlavano ? Parlavano della consistenza del culo di Berlusconi ! Incredibile ma vero, si parlava di culi flaccidi, e a dir la verità la Dandini si dev’essere per un attimo sentita presa di mira ed allora ha detto che uno ce lo può anche avere flaccido ! La voglio vedere a 75 come sarà…


I commenti sono chiusi.


%d blogger cliccano Mi Piace per questo: