Donne e Travestiti

______________________________________________________________________________________________

Dietro le “donne” ci sono sempre loro, gli uomini del Centro-Sinistra. Un’ unica ossessione, abbattere il Cavaliere che li ha sempre costretti ad essere i numeri due della Politica italiana. Ed oramai il tempo stringe…

______________________________________________________________________________________________

Stavolta si sono travestiti da “donne”, qualche mese fa da “studenti”, ma dietro le proteste di piazza ci sono sempre loro, gli uomini dell’Opposizione antiberlusconiana. Ossessionati dal Cavaliere e dallo scorrere inesorabile del tempo. Se non ora quando? E’ uno slogan fatto apposta per loro. Sono tutti ex-giovani mai diventati davvero Leaders e sempre per colpa del Caimano che ha occupato la scena in modo ingombrante. Nuovi giovani cominciano a crescere nel Partito e reclamano la loro fetta di potere. E loro, oramai sessantenni, non sono riusciti mai ad essere numeri uno, e sempre per colpa di Silvio.

Se non ora quando? Abbiamo ancora una mezza legislatura, al massimo ancora dieci anni per poter diventare noi finalmente Leaders di qualcosa. Ma occorre prima abbattere il Premier, quello che ci ha sconfitti, tutti, e costretti al ruolo di gregari. Ieri sui tetti a fare gli “studenti”, oggi in piazza per le “donne”, domani chissà, mancano ancora i “bambini” e poi i “cani e gatti”

Questa è la triste realtà della Politica italiana. Una intera classe politica, destinata a rimanere in secondo piano, improvvisamente è diventata protagonista non grazie ai suoi meriti ma solo grazie all’Operazione Mani Pulite che spazzò ingiustamente la dirigenza di tutti i Partiti della Prima Repubblica. Già smaniosi di fare i leaders hanno dovuto però fare i conti con la discesa in campo di Berlusconi che li ha costretti di nuovo in seconda linea. Anche questo ha generato l’odio profondo che poi è venuto fuori non solo nella Sinistra, ma anche nel Centro-Destra con i delfini improvvisamente tramutatisi in feroci squali.

Il problema per Casini, Bersani, Fini, Rutelli, Veltroni, D’Alema, Franceschini, Di Pietro non è travestirsi ogni giorno da qualcosa di diverso pur di abbattere il Premier. Ma che a forza di travestimenti si finisca per l’essere, non solo sembrare, dei pagliacci…

Bookmark and Share

Explore posts in the same categories: Italia

%d blogger cliccano Mi Piace per questo: