Bersani e l’Art. 54 della Costituzione

______________________________________________________________________________________________

Festival delle citazioni sbagliate. Umberto Eco ha sbagliato a citare Kant. Bersani e Rosy Bindi da un Mese citano a sproposito l’Art.54 della Costituzione. C’è troppa presunzione ed autoreferenzialità nel pensiero dei nuovi moralisti del Palasharp. C’è troppa improvvisazione nella dirigenza del PD troppo impegnata ad inseguire i tribuni televisivi per rendersi conto dell’assurdità delle loro tesi politiche…

___________________________________________________________________________________

“Può darsi che abbia letto Eva Kant”. Così Giuliano Ferrara su Umberto Eco che a sproposito cita il filosofo tedesco. “Da un legno storto come quello di cui è fatti l’uomo non si può costruire niente di perfettamente dritto”, ricorda piuttosto l’Elefantino. Et voilà, i presuntuosissimi oratori del Palasharp sono serviti. Piuttosto anche noi come Ferrara ci chiediamo perchè i vari Eco, Saviano, Travaglio e compagnia inquirente non accettano mai un contraddittorio e spesso sono costretti a leggere appunti scritti, ma questa è un’altra storia.

Da un Mese Pierluigi Bersani e Rosy Bindi sostengono che Berlusconi abbia violato l’Art. 54 della Costituzione.

“Tutti i cittadini hanno il dovere di essere fedeli alla Repubblica e di osservarne la Costituzione e le leggi. I cittadini cui sono affidate funzioni pubbliche hanno il dovere di adempierle con disciplina ed onore, prestando giuramento nei casi stabiliti dalla legge”

E’ grave che un Segretario di un Partito politico così importante ed una signora che è stata anche assistente universitaria dicano una sciocchezza simile. Basta leggere attentamente l’Art. in questione per capire senza bisogno di essere dei raffinati costituzionalisti che non c’entra nulla con l’Affaire Ruby. Chi è chiamato a ricoprire incarichi pubblici ha il dovere di comportarsi con disciplina ed onore nell’esercizio delle sue funzioni, non nella sua vita privata. Quando esercita la funzione per la quale è stato eletto, non quando rientra a casa la sera. Inutile cercare nella Costituzione riferimenti bacchettoni e moralistici che non ci sono. Inutile cercare di giocare con la giurisprudenza e con la lingua finendo per dare una interpretazione macchiettistica dell’Art.54. C’è una inchiesta-bufala in corso su tutta questa vicenda ed un Processo che la Procura, non Berlusconi, ha deciso di celebrare in TV e non in Tribunale. Questa è la vera violazione della Costituzione di cui si dovrebbe preoccupare il PD se fosse un Partito serio e garantista.

Dire che chi viene eletto a qualche carica pubblica ha il dovere di comportarsi con rigore morale significa non solo non capire nulla di politica ma non capire nulla di Storia. Un Presidente della Repubblica, come un Premier, come un Sindaco, hanno il dovere di comportarsi con onore e disciplina quando presiedono gli organi che rappresentano e tutte le volte che esercitano il potere che gli deriva da quella carica. Non hanno l’obbligo di andare a letto presto dopo aver letto Kant ed aver recitato il rosario. Se poi Kant lo si legge e non lo si capisce nemmeno…

Bookmark and Share

Explore posts in the same categories: Bufale Sinistre

%d blogger cliccano Mi Piace per questo: