Tribunale Speciale

______________________________________________________________________________________________

In questo clima da Santa Inquisizione il Tribunale di Milano si comporta come un vero e proprio Tribunale Speciale che insegue, in spregio della Costituzione, il suo imputato preferito anche dove non ne avrebbe la competenza. Il tutto nell’assordante silenzio del Quirinale.

______________________________________________________________________________________________

In questi giorni troppo spesso si sente citare la nostra Costituzione a sproposito. O meglio, ne vengono citati solo gli articoli che sono funzionali alla propria polemica politica. E’ di oggi la notizia che il Tribunale di Milano vuole processare il Premier a tutti i costi nonostante ci siano legittimi dubbi sulla competenza a procedere di quest’ultimo. Infatti un poco ricordato e già in passato disatteso Articolo della Costituzione recita.

“Nessuno può essere distolto dal giudice naturale precostituito per legge”

Proprio per evitare che vengano di fatto istituiti Tribunali Speciali che inseguano reati o indagati particolarmente graditi ad una qualunque Procura o ad un qualunque Magistrato. Per i presunti reati di cui è accusato il Premier la competenza appunto è territoriale in un caso, poichè i reati sarebbero stati commessi ad Arcore, che rientra nella giurisdizione del Tribunale Monza e non di Milano. E’ tecnica, per così dire, nell’altro poichè commessa ai danni e da un Pubblico Ufficiale membro del Governo, quindi di competenza del Tribunale dei Ministri. La Procura di Milano invece procede come se nulla fossa nell’assordante silenzio di chi dovrebbe aiutare a dirimere definitivamente questa questione che è addirittura Costituzionale. Se per Berlusconi la Legge è più uguale che per gli altri c’è qualcosa, per l’ennesima volta, che non va. Palesemente il Tribunale di Milano è particolarmente affezionato all’indagato presunto colpevole Silvio Berlusconi, comportandosi di fatto come un vero e proprio Tribunale Speciale di antica memoria. Ennesima dimostrazione, qualora ce ne fosse ancora bisogno, che un Riforma profonda della nostra malconcia Giustizia non è più rinviabile e che è assurdo che pur di abbattere Berlusconi c’è una parte della Politica e della Magistratura disposta a sacrificare anche quel minimo di Stato di Diritto che ancora qualcuno continua a voler ,nonostante tutto, difendere…

Bookmark and Share

Explore posts in the same categories: (In)Giustizia

%d blogger cliccano Mi Piace per questo: