Santoro dà i Numeri

______________________________________________________________________________________________

Continua nel silenzio di chi dovrebbe intervenire per fermare questo scempio del Diritto e della Privacy l’operazione sputtanamento ai danni del Presidente del Consiglio. L’ultima vigliaccata di Santoro. Mostrare con un trucco il numero privato del Cellulare del Premier in diretta TV. E lo chiamano Servizio Pubblico. Tanti anni fa anche Michele Serra protagonista di una storia simile…

______________________________________________________________________________________________

Che Annozero non sia una trasmissione del Servizio Pubblico, ma a servizio del PD e dell’IdV noi lo sosteniamo da tempo. Che tutto ciò sia pagato con i soldi pubblici, anche con i nostri, è una cosa che sopportiamo perchè in fondo è addirittura divertente vedere fino a quale grado di miseria umana conduce l’antiberlusconismo. Ma violare palesemente la Privacy di una persona mostrando con un sotterfugio il suo numero privato di cellulare, è davvero troppo. Cosa sarebbe successo se Emilio Fede durante il Tg4 avesse mostrato il numero privato di Prodi o, chessò, di Di Pietro? Minimo si sarebbe parlato di attacco fascista alla Democrazia o robe simili. Ebbene, ieri sera Santoro con un trucco qui spiegato dà in diretta televisiva il numero privato di cellulare di Berlusconi e per qualcuno tutto ciò è addirittura divertente.

“Ci sono tante compagnie telefoniche, se il premier è preoccupato cambi numero…”

Spiritoseggia Santoro, accompagnato dal sorriso idiota del suo pubblico. E’ servizio pubblico questo? Fino a che punto l’antiberlusconismo può giustificare simili attacchi al Diritto alla Privacy di tutti i cittadini? Continuiamo a sostenere che questa situazione è grave, ma non seria. Si risolverà tutto nell’ennesimo Boomerang perchè anche stavolta è evidente che Berlusconi ha tanti difetti, ma molti in meno di chi lo odia in questo modo così puerile ma pericoloso per il Paese…

Questa vicenda ci fa ricordare un analogo episodio accaduto molti anni fa. Successe che da qualche parte fu pubblicato l’indirizzo dell’abitazione di Michele Serra. Il giornalista comunista allora si indignò moltissimo, parlando di una grave intimidazione fascista. Purtroppo negli stessi anni lui stesso, da perfetto ipocrita qual’era e qual’è, attraverso il settimanale Cuore pubblicava ogni volta i numeri di telefono e gli indirizzi di varie personalità politiche italiane. Per dare la possibilità a tutti di “sfotterli” un pò, diceva lui. Un pò come fa Santoro adesso. Allora pubblichiamo anche il numero di cellulare di Fassino, di Bersani, di Fini, di Di Pietro e quello anche della Boccassini. Del resto perchè non far divertire tutta Italia anzichè solo una parte?

Bookmark and Share

Explore posts in the same categories: Cose da non Ricordare

One Comment su “Santoro dà i Numeri”

  1. Stefano Says:

    Premessa: quella di Santoro è stata una terribile vigliaccata, non tanto per la diffusione del numero del presidente ma per il modo da furbetto del quartierino con cui l’ha pubblicato prima e se n’è lavato le mani poi.
    Fosse successo a Prodi? Mi sarei indignato tanto quanto mi sto indignando ora – sia per la santorata che per la replica di Libero – per il semplice fatto che a me (a noi?) hanno insegnato a diffidare dei furbi, anche e soprattutto di quelli del nostro stesso orientamento politico. Per non dire delle carogne.
    Ma a dire il vero non me li vedo Prodi e Bersani accusati di concussione (figuriamoci di sfruttamento della prostituzione). Forse a quel punto mi indignerei di più per i loro comportamenti che non per la vigliaccata un giornalista. No?

    PS: “da vero ipocrita qual’era e qual’è”. Occhio agli apostrofi. Dopo qual non ci vanno…


I commenti sono chiusi.


%d blogger cliccano Mi Piace per questo: