Un Fidanzamento, Venti Divorzi ed Un Funerale

______________________________________________________________________________________________

Venti Deputati abbandonano l’Opposizione e passano nella Maggioranza. Berlusconi annuncia di essere da tempo fidanzato. Ed intanto l’inchiesta comincia a mostrare tutte le sue contraddizioni…

______________________________________________________________________________________________

E’ quasi ufficiale: Berlusconi è da tempo sentimentalmente impegnato. La notizia sarebbe di scarsa importanza se non fosse che la vita privata del Premier è diventata l’interesse principale delle due Opposizioni, il Centro-Sinistra e la Magistratura. Quindi a questo punto è doverosa una puntata di Ballarò su questo importante evento che riguarda la vita di tutti gli italiani. Non escludendo eventuali inchieste della Procura di Milano.

Si è anche costituito il Gruppo dei Responsabili alla Camera che dà ossigeno alla Maggioranza di Governo. Ieri se ne è avuta una prima importante conferma. Molti di loro provengono dalle fila di FLI e dell’UdC. C’è chi si fidanza e chi divorzia. Sempre meglio di quelli che hanno tradito. Che si ricominci a parlare di cose serie?

Intanto tutte le contraddizioni e le bizzarrie del Caso Ruby cominciano a venire a galla. Altro che prove schiaccianti. Anzi cominciano a venir fuori particolari abbastanza inquietanti sul comportamento della Procura di Milano. Non siamo ancora al Boomerang, ma ci stiamo quasi arrivando. L’unica certezza è che in Italia la Giustizia è morta e sepolta da tempo ed al contrario di quello che si blatera ad Annozero, tra i suoi killer principali ci sono proprio quelli che come mestiere erano tenuti a farla rispettare.

Bookmark and Share

Explore posts in the same categories: Cose Così

One Comment su “Un Fidanzamento, Venti Divorzi ed Un Funerale”

  1. sergione1941 Says:

    Citiamo solo Ballarò e Anno Zero? E tutte le trasmissioni mattiniere e pomeridiane di Rai1, Ra2,più Canale 5, Rete4,Kalispera, Porta a Porta,, Studio Aperto, TG1, Matrix, Ultima parola e chissà quant’altre me ne sono perso.
    La macchina propagandistica berlusoniana è partita a testa bassa. Peccato che è un unico ritornello! Nessun commentatore affronta veramente i fatti incontrovertibili, sottolineando soli gli episodi dubbi.


I commenti sono chiusi.


%d blogger cliccano Mi Piace per questo: