Bordello Italia

______________________________________________________________________________________________

Da Garibaldi a Cavour fino a Vittorio Emanuele II, i nostri padri della Patria sono stati notoriamente dei donnaioli. E tutti iscritti alla Massoneria. Riscriviamo la Storia del Risorgimento, cancellando chi non è “moralmente” degno? Ed anche all’estero scopriamo che le camere da letto dei Presidenti sono sempre state molto frequentate. Ma allora qual’è il senso di questa ipocrita ondata bacchettona che vorrebbe spingere alle Dimissioni il Presidente del Consiglio?

_____________________________________________________________________________________________

Intercettazioni tante. Prove davvero pochissime. E’ il Metodo Woodcock: intanto ti sputtano, poi magari tutto verrà archiviato. Il Processo degradato a mero spettacolo mediatico. Serve solo per fare audience o per far vendere qualche copia in più. In Nome del Popolo italiano. E soprattutto a sue spese. A noi l’avanzamento automatico di carriera. A voi il conto, prego…

Dicono: come può governare seriamente un Paese uno che passa il tempo a fare sesso durante “festini scatenati”? Due obiezioni. Intanto servono le prove, e poi,  soprattutto, cosa c’entra?

Servono le prove, per fare affermazioni simili. E, sinceramente, quelle fornite negli ultimi anni fanno un pò sorridere. Fa sorridere anche che un Tribunale, senza averne nemmeno la competenza e quindi in spregio al principio del Giudice Naturale, mobiliti un intero esercito per assediare una abitazione privata del Premier inseguendo ospiti e fanciulle, mentre lascia liberi boss ed assassini. Questa è la Giustizia italiana, bellezza. La stessa che usa i guanti bianchi per gli amici, e la mazza ferrata per i nemici. Fate pure, ma non nel nostro nome, verrebbe da dire.

E poi, cosa c’entra la vita privata con quella pubblica? Ragioniamo come voi moralisti da due soldi, alla Di Pietro o alla Rosy Bindi, per intenderci. Cosa fa diventare un Politico, un uomo di Stato o una persona qualunque, una persona seria e competente? Come si comporta sul lavoro o come si comporta in camera da letto? Un Presidente del Consiglio è un bravo Premier se governa bene, a giudizio possibilmente degli Elettori, o se va a letto presto dopo aver recitato le preghierine della sera?

Ragionando alla Di Pietro o alla Rosy Bindi si arriverebbe al ridicolo, ad una società da cinepanettone alla rovescia. Un operaio che sta un pò con la moglie prima di andare a fare il suo turno in linea è uno sconsiderato. Un Professore che la sera prima di andare a Lezione va ad una cena con una amica è indegno di insegnare alcunchè ai più giovani. Noi conosciamo anche un Professore che poi si è messo con una sua studentessa. Anzi, più di uno. E se un medico ha un flirt con una infermiera, tanto per rimanere nel pecoreccio del luogo comune alla D’Avanzo, con quale vergogna mette le mani sul corpo di un ignaro paziente? E se fosse un pediatra, ci sarebbe qualche odiosa aggravante morale?

Suvvia, signori, siate un pò più seri. Ecco perchè esiste, per tutti tranne che per Berlusconi, a quanto pare, la cosidetta Privacy. Perchè se si potessero ascoltare le conversazioni private, guardare le foto personali e gli scritti più intimi di tutti, sarebbe nei guai mezzo Mondo, noi e voi compresi.

Dicono: un Premier così ci fa fare una brutta figura all’Estero. Questa, tra le tante fregnacce che spesso spaccia la nostra impresentabile sinistra, è la nostra preferita in assoluto perchè denota ignoranza sia storica che politica.

John Fitzgerald Kennedy, ad esempio, era notoriamente un marito fedifrago ed aveva una vera passione per le attricette bionde. Tra cui una certa Marilyn Monroe, che si passava con il fratello Bob. E’ forse indegno che una persona simile abbia fatto il Presidente degli USA più amato da Walter Veltroni? E’ stato un Presidente impresentabile? A sentir Rosy Bindi, pare di si. Spiacente democrats de noantri, chiunque di voi sfoggia in camera un poster di questo puttaniere lo tiri giù subito: se lo vede Bersani vi ritira la tessera, o vi butta giù dal tetto. E che dire dell’altro idolo delle folle democrats italo-americane Bill Clinton, quello che si faceva fare i servizietti dalle stagiste perfino nella sala ovale? Perbacco! Che depravazione, ma come si fa a votare per uno sporcaccione simile? E Mitterand che imboscò in un ufficio pubblico il frutto di una delle sue tante scappatelle? Sulla movimentata vita sentimentale del Presidente Sarkozy preferiamo non parlare vista l’antipatia naturale che nutriamo verso sua moglie. Tutta gente indegna, tutti cattivi politici e cattivi Presidenti? Come no, all’estero si che sono persone perbene.

Buttiamola in Storia: in Gran Bretagna c’è stato un Premier che era notoriamente un alcolizzato, un gran fumatore e si vocifera anche un depravato, assiduo frequentatore di bordelli. Viveva negli stessi anni in cui in Germania era Fuhrer un vegetariano, astemio, che non fumava e che era sessualmente casto. Si chiamavano rispettivamente Wiston Churchill ed Adolf Hitler.

Nel 150° dell’Unità d’Italia possiamo anche parlare dei nostri Padri della Patria. Ci scuserà il dottor Mirabella che ogni mattina fa una pantomima simpatica di Garibaldi, ma dobbiamo ricordare a lui ed a tutti che il Generale era tutto tranne che una persona, come dire, poco attratta dal gentil sesso. Diciamocelo, era notoriamente un puttaniere. E di Camillo Benso Conte di Cavour, del quale si vociferano non solo le assidue trasferte nei bordelli di periferia torinesi, dove leggenda vuole, sia morto per un infarto, cosa vogliamo dire? Sicuramente andava a Messa ogni Domenica. E del Re Vittorio Emanuele II, dalle mille amanti tra le quali figurava anche una sua nipote mandata poi a fare la amante-spia a Parigi alla corte di Napoleone III, cosa possiamo aggiungere? Lo cancelliamo dai Libri di Storia del Risorgimento? Anzi, riscriviamo i libri di Storia d’Italia alla luce della nuova ondata bacchettona dettata da Magistratura Democratica e da Rosy Bindi?

Qui l’unico bordello è quello che da qualche tempo, raschiando il fondo del barile, una sconsiderata, impresentabile ed anti-italiana casta politico-giudiziaria sta cercando di sollevare per mandare a casa un Governo che non gli piace. A rischio di mandare a puttane tutto il Paese. Insomma, signori, di cosa stiamo parlando? Ma di cosa si sta occupando a nostre spese e sfidando per l’ennesima volta il ridicolo e la nostra pazienza, la Magistratura italiana?

p.s. Ho dimenticato di aggiungere alla lista anche Giuseppe Mazzini. Ne approfitto per ricordare a tutti che stiamo parlando dei nostri Padri della Patria: Mazzini, Garibaldi, Cavour, Vittorio Emanuele II, tutti dei gran puttanieri e tutti rigorosamente Massoni. C’è poco da fare: riscriviamo la nostra Storia sotto dettatura di Magistratura Democratica e di Rosy Bindi…cancelliamo questi uomini indegni dai libri di scuola, anzi di squola, per rimanere al livello dei tetti…

Bookmark and Share

Explore posts in the same categories: Bufale Sinistre

6 commenti su “Bordello Italia”

  1. antonino ferro Says:

    il problema non sono i festini. il problema sono i reati penali commessi prima, durante e dopo e, non da ultimo, le menzogne dette. questi, ne converrete, penso siano fondati motivi di indegnità per governare e, se uno è così convinto di non aver commesso nessun reato, non dovrebbe avere nessun problema ad andarlo a dimostrare in tribunale, senza bisogno di invocare prescrizioni, abbreviazioni e quant’altro.

  2. Giuseppe Del Giudice Says:

    Va bè, chissà perchè con QUESTO Governo i mafiosi alla sbarra sono triplicati, e pure i patrimoni confiscati. Col precedente al massimo si facevano convegni e fiaccolate. E poi, a parte la Competenza che è di Monza e non di Milano, perchè uno schieramento di forze per una ipotesi di reato così discutibile? Nemmeno per catturare Riina si sono schierati tanti uomini e mezzi. Inoltre, Mazzini, garibaldi, Cavour, Churchill, Mitterand, Clinton, Kennedy…tutti noti PUTTANIERI. Riscriviamo la storia?

  3. frank Says:

    Inoltre, riguardo alla questione delle occupazioni della magistartura italiana, che ti starebbe facendo perdere la pazienza, ti ricordo che la Bocassini e’ il magistato che ha curato la maxi inchiesta contro le infiltrazioni della ndrangheta al nord (roba della scorsa estate). Che ha fatto centinaia di arresti e recuperato soldi a palate. Tanto che l’insulso e insignificante ministro (sic!) Maroni cerca di attribuirsene i meriti ogni due per tre.

  4. frank Says:

    Chi dice che cosa? Che ha mentito? I processi servono proprio a questo, a stabilire la verita’.
    Deduco che secondo te il tuo Presidente non debba essere processato per principio, nemmeno in presenza di indizi di colpevolezza grandi come una casa. Si decide li per li, con un televoto tra gli ignoranti che guardano il grande fratello, chi sia colpevole e chi no, chi perseguitato e chi delinquente, a simpatia.
    Quanto al Clinton idolo della sinistra, non direi proprio, aveva fatto ben sperare molti alla sua elezione, ma ha rapidamnete deluso. E comunque non c’entra nulla con la legittimita’ dei processi.

  5. Giuseppe Del Giudice Says:

    E chi lo dice? E poi: Clinton è stato un cattivo Presidente degli USA, o, se ricordo bene ,un idolo delle Sinistra europee fino a poco tempo fa? ma a sentir parlare il PD di oggi, era solo un puttaniere che si faceva fare servizietti dalle stagiste…

  6. frank Says:

    Clinton, esempio calzante: lo hanno messo sotto processo per aver mentito davanti al parlamneto sulla sua relazione extra coniugale. Il nostro ha mentito alle forze dell’ordine. Vedi un po’ tu….


I commenti sono chiusi.


%d blogger cliccano Mi Piace per questo: