Il PD in Piazza, ma solo per rivendicare la leadership del Centro-Sinistra

______________________________________________________________________________________________

Il PD va in Piazza ma è un mezzo flop. Forse poche centinaia di migliaia di partecipanti, lontanissimi dai “due milioni” invocati da Bersani. E soprattutto l’impressione era quella di uno scontro interno al Centro-Sinistra, con un PD intento ad insultare Berlusconi solo per far capire a Fini, Casini, Vendola, Renzi e Di Pietro, che in fin dei conti, esistono anche loro…

______________________________________________________________________________________________

Il PD è in piena Sindrome da “Vieni via con Me”, il timore cioè che da Grillo a Saviano, da Fini a Casini, da Vendola a Renzi, il Centro-Sinistra possa oramai fare a meno dell’ingessato Partito del Loft. Il comizio è il solito, consolidato vaniloquio antiberlusconiano, l’atmosfera calda quanto la fredda mattinata romana, i militanti tantissimi, ma non certo i milioni richiesti da Bersani per poter parlare di “mobilitazione” nazionale. In realtà è abbastanza evidente a tutti la profonda crisi di identità che sta attraversando il maggior Partito dell’Opposizione.

Sempre più Partito regionale, confinato nelle sue roccaforti storiche in qualche caso assediate dal Centro-Destra, sempre più Partito ignorato da quei Poteri Forti che lo hanno coccolato e protetto fin’ora e sempre più incapace di esprimere una leadership che possa unire tutta l’Opposizione. Oramai perfino RAI3 e Repubblica preferiscono Fini o Casini, considerati più pericolosi per Berlusconi. Oramai Vendola o Renzi (sempre più lontano dal PD) sono considerati leaders  più innovativi di qualsiasi dirigente Democrats. E’ un Partito con la Sindrome di “Vieni via con Me”, con la paura cioè che tutti gli altri vadano da qualche parte senza nemmeno invitarli.

Ecco che la manifestazione “contro il Governo!” si è trasformata abbastanza farsescamente in una prova di forza tutta interna all’Opposizione. Una piazza contro chi li ha praticamente esclusi da tutte le decisioni che contano degradandoli al ruolo di “porta-voti”, con la consegna del silenzio, che meno fate parlare Rosy Bindi o Bersani e meglio è. Questo è troppo, avranno pensato i giovani Democrats! Organizziamo una bella piazzata per far capire ai finiani di turno che è che comanda da queste parti! Siamo lontanissimi dalle radunate oceaniche degli scorsi anni, ma molte migliaia di manifestanti pochi Partiti riescono ad organizzarli, tant’è vero che il Popolo Viola si è dovuto ultimamente rinchiudere in un Cinema per evitare il colpo d’occhio impietoso che sbugiardava la reale partecipazione popolare alle loro scampagnate, mentre i finiani ultimamente hanno spacciato per un grande successo l’aver riunito dopo Mesi di assillante propaganda 5-6 mila persone nella gita fuori-porta a Bastia Umbra. In questo senso la prova di forza del PD di Sabato scorso, ha un suo perchè. Se Bersani, D’Alema o Franceschini volevano dare un altro senso a questa storia, sarà meglio, la prossima volta, optare per un Teatro. Almeno al chiuso si soffrirà di meno anche il freddo…

Bookmark and Share

Explore posts in the same categories: Italia

%d blogger cliccano Mi Piace per questo: