La Sinistra Teledipendente


____________________________________________________________________________________________

Incredibile contrappasso della nostra Opposizione. La Sinistra è ufficialmente Teledipendente. Da Fini a Vendola, da Saviano a Santoro, da Bersani a Casini, l’ Opposizione esiste non nelle piazze e sui luoghi di lavoro ma solo in televisione. Con la conseguenza che i teletribuni si sostituiscono ai sedicenti “nuovi” Leaders della Terza Repubblica…

______________________________________________________________________________________________

Da Karl Popper ad Harry Potter. L’Opposizione antiberlusconiana è in questi ultimi tempi vittima di una mostruosa metamorfosi. Da politica di Lotta e di Governo a politica di Salotto e di Intrattenimento. Dalla Piazza alla pizza davanti al teleschermo. Dalla Sezione alla sintonizzazione dell’antenna. L’Opposizione si fa i TV, con buona pace per chi per tutti questi anni ha criticato il “Regime Mediatico” di Berlusconi. Dalle percentuali dei Voto allo share degli ascolti. I sedicenti Statisti del Centro-Sinistra esistono solo sul teleschermo. E spesso si confondono con i conduttori. Anzi, siamo arrivati ad uno stadio più preoccupante di questa involuzione: sono i conduttori che credono di essere dei politici ed i politici che fanno da veline ai conduttori. L’importante è apparire sul teleschermo, inseguendo gli ascolti.

Dopo 20 anni la Sinistra scopre la Televisione e come tutti i falsari, scimmiottano e copiano l’originale, cioè il Berlusconi del ’94. Noi sosteniamo da tempo che la Sinistra è ferma al ’94, un trauma che non ha ancora superato. Ma adesso si esagera perchè mentre per Berlusconi la Televisione è stata un mezzo, per l’attuale Opposizione sembra essere diventata il fine. La differenza tra chi è qualcuno e chi non è nessuno.

Siamo arrivati al punto in cui la Televisione è zeppa di programmi antiberlusconiani, e questo per una ragione economica e di interessi prima e politica poi. Chiunque organizzi una trasmissione anti-silvio sa di poter contare a prescindere sul solito zoccolo duro di affezionati alla poltrona ed alla causa. E questo significa successo, più o meno grande. Se le cose dovessero andare male, si può sempre gridare alla Censura, anelando al martirio. Insomma è sempre conveniente, quindi vale la pena provarci. I Politici di Centro-Sinistra, che ancora non hanno capito le ragioni per cui Berlusconi e la Lega prendono così tanti voti, credono che utilizzando la TV si possa colmare il gap elettorale. E fanno disastri perchè più li si vede in video declamare le loro sciocchezze, e più gli elettori si convincono a non votarli. Anche in TV, come in piazza, si viene giudicati per quello che si dice e non per quanto tempo si parla. Ma loro che ne sanno…è gente che ha voluto una sconcezza politica chiamata Par Condicio, che adesso sta ritorcendosi addirittura contro di loro, i padroni della Rai. Ma chi non ha nulla di nuovo da dire non ha altro da fare…

E adesso i vari Fini, Casini, Bersani, Veltroni, Vendola si vedono superati dai Saviano, Fazio, Santoro, Travaglio, Gabanelli, Grillo. Show must go on, e la politica dell’Opposizione è questa. Berlusconi è finito, l’ho sentito dire in televisione! E poi, dopo Annozero di ieri sera, Vieni via con me di Lunedì e Ballarò del martedì, chi avrà ancora il coraggio di votarlo? Peccato che esiste la vita reale…

Insomma, è con grande divertimento che assistiamo a questo ignobile show. Da una Sinistra tutta piazza e sezione ad una Sinistra tutta casa e tivvù, perchè ogni giorno c’è un appuntamento imperdibile se non storico con il loro programma Cult preferito, da Vieni via con Me ad Annozero, da Report a Ballarò, per non parlare di tutti gli altri…tutti in salotto, magari invitando gli amici, tutti sintonizzati per rimbambirsi davanti al teleschermo. Quanto è lontano il ’94 e quanto ci manca…

Bookmark and Share

Advertisements
Explore posts in the same categories: Italia

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: