Sbagliato sottovalutare Obama e Zapatero

Le Elezioni sono la massima espressione dell’Incertezza. Quando poi ci si scontra con Leaders carismatici e di grande presa mediatica la battaglia diventa ancora più incerta. L’esempio italiano fa oramai scuola. Sono 17 anni che la nostra Sinistra annuncia la fine di Berlusconi, ma quello è sempre là. Proprio perchè viene sottovalutato nel momento principale e più importante della Politica: le Elezioni.

Non bastano i sondaggi, le manifestazioni le prese di posizione delle personalità importanti di un Paese, il sentire l'”aria che tira” per azzeccare una previsione elettorale. Occorre quel qualcosa di più che solo i grandi hanno. Zapatero ed Obama, come Berlusconi, quel di più lo hanno. Sbagliato darli per sconfitti perchè nessuno li sopporta più. I meccanismi psicologici che scattano nel segreto dell’Urna sono tra i più affascinanti di questo gioco che si chiama Democrazia e, per fortuna, sfuggono ai calcoli della statistica, della scienza e fortunatamente delle scemenze che si raccontano nei salottini della classe dirigente di ogni Paese.

La Politica è un Arte non una Scienza e la relativa Facoltà universitaria andrebbe abolita. Noi incrociamo le dita, speriamo in una vittoria del nostro amato G.O.P. e confidiamo in Sarah Palin per il 2012, così come aspettiamo che la Spagna ritorni ad essere il Paese serio che abbiamo imparato ad amare non solo grazie al calcio ma anche con un ritorno in grande stile dei Popolari . Diciamo solo, calmi tutti, state, anzi stiamo,  facendo i conti senza l’oste…

Bookmark and Share

Advertisements
Explore posts in the same categories: Mondo

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: