Fini svende anche Futuro e Libertà

La Prova che incastra Giancarlo Tulliani già c’è. Il cognato di Fini risulta essere, ad oggi senza nessuna smentita, il primo intestatario della Società Off-Shore di St.Lucia, e quindi il primo proprietario, dell’appartamento a Monaco. Se non dovessero emergere altri elementi, il Tulliani, incredibilmente snobbato dalla nostra strabica Magistratura, o si è disfatto in fretta e furia dell’appartamento a scandalo scoppiato, o ha gestito tempo fa una piccola speculazione finanziaria, comprando a poco (chissà perchè) e rivendendo a molto. Di cosa ha ancora bisogno Gianfranco Fini per dimettersi come ha promesso di fare?

In realtà il Fini di Sabato scorso è lo stesso Fini che dopo aver definito il PdL “le comiche finali”, poco dopo ne entrava a fare parte, svendendo AN. E’ il solito Fini, il politico indeciso e sopravvalutato che, passata la arrabbiatura, guarda più che altro alla sua carriera ed alla sua personale convenienza piuttosto che al bene del Paese o del suo partito, trattato anche stavolta come un bene, un oggetto, da cui ricavare un utile personale. Oggi gli conviene rimanere a fare il Presidente della Camera, perchè dopo la batosta di immagine ricavata dall’affaire Montecarlo, sa di non potersi permettere l’ulteriore umiliazione delle Dimissioni, da una cadrega poi, che nel frattempo gli garantisce anche visibilità, rispetto, importanza istituzionale. Ed allora, complici le solite colombe del PdL, ecco che “per il bene del Paese” (e figuriamoci), fermiamoci tutti e trattiamo. Il fido Bocchino livoroso e sputa-patacche di Giovedì sera, diventa il napoletano alla “scurdammoce o passato”, la vicenda per noi è chiusa.

Ma come si fa a comportarsi in questo modo? Lasciamo stare le colombe del PdL, talmente abituate ad essere insultate da non farci quasi più caso. Anche questo un caso disperato. Lasciamo stare le giuste preoccupazioni di tutti, di andare alle urne in piena crisi economica. Come fanno quelli di FLi, o di Generazione Italia, o di FareFuturo, dopo tutto quello che hanno avuto il coraggio di vomitare addosso al PdL ed al Governo, a fare finta di niente? Come si fa a ri-sedere accanto ad un partito, il PdL,  definito di mafiosi, di puttane, evasori, stupidi, massoni che mettendo in pericolo la Democrazia, semplicemente dicendo, vabbè, trattiamo, per noi la vicenda finisce qui? A questo punto delle due l’una, o è Fli ad essere composto da gente simile, o Fli è formato da gente che ha ben poca stima di sè.

In tutto ciò emerge solo la figura assolutamente ridimesionata di Gianfranco Fini che come sempre si dà molto da fare per salvare la sua carriera svendendo questa volta la dignità politica dei suoi entusiasti, caricati ed un pò ipocriti fans di Futuro e Libertà, dopo aver fatto lo stesso con il MSI prima, e con AN e l’eredità della Colleoni, dopo.

Bookmark and Share

Annunci
Explore posts in the same categories: Italia

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: