L’Uomo Qualunque

La giornata della commemorazione per la Strage di Via D’Amelio diventa un palcoscenico dove va in scena tutto il provincialismo ed il neo-qualunquismo del Presidente della Camera e dei suoi pretoriani.Per la verità la giornata non era partita benissimo e la spiegazione appare fin troppo semplice: noi pensiamo che la maggioranza delle persone sia abbastanza stufa di vuote commemorazioni che diventano pretesto per i soliti,monotoni attacchi e strumentalizzazioni verso il Centro Destra ed in particolare verso Silvio Berlusconi.Difatti la scarsissima partecipazione alle solite marce,fiaccolate con annessi e connessi slogan e sinistre filastrocche,ne è la prova.Pur di fare l’oramai noiosissimo e cacofonico controcanto,vero tormentone musicale di questa Estate,i finiani anche oggi ci hanno stupito con una serie di dichiarazioni alcune volte ai limiti del ridicolo,altre ai limiti della querela.Analizziamo queste righe tratte da l’Ansa…

Il popolo delle ”Agende rosse” lo ha accolto con un secco ”No a Schifani, si’, invece a Fini”. Quest’ultimo, rispondendo alla domanda di uno dei manifestanti, ha sottolineato che ”Mangano non e’ un eroe, ma un cittadino condannato per mafia”. Ed e’ a questo punto che scatta l’applauso per il presidente della Camera che poco dopo ribadisce: ”in via D’Amelio non fu solo mafia”.

Allora ci permettiamo di spiegare alcune cose al Presidente della Camera.Il cosiddetto “popolo delle Agende Rosse” è tipo il Popolo Viola,se possibile meno numeroso anche se altrettanto politicizzato e livoroso.Andare ad elemosinare l’applauso di poche centinaia di sfigati giusto per avere qualcosa da dire in favore di telecamera non è un atteggiamento da “statista”,anche in considerazione,appunto,del “contenuto” di tanto importanti esternazioni.Vediamole.

“Mangano non è un eroe”.Qui viene da pensare che Fini o ci è o ci fa.Questa frase di Dell’Utri è stata spiegata dal suo autore centinaia di volte ed oramai davvero solo il Popolo Viola,quello delle Agende Rosse e qualche sfigato finiano non ne ha capito il significato.Dell’Utri ha sempre detto che eroicamente (dal suo punto di vista) Mangano rifiutò di incolpare lui e Berlusconi di fatti inesistenti anche dietro la promessa di una scarcerazione e di cure per la sua malattia,affrontando il suo destino già compromesso,sia in cielo che in terra, in carcere,evitando così di aggiungere altri peccati sulla sua già segnata anima.Qui un ottimo articolo che ricostruisce l’intera vicenda.

“In Via D’Amelio non fu solo Mafia”.Benissimo.In compagnia di tanti altri Antimafiosi di Professione,anche Fini preferisce la frase fatta,l’applauso facile,il qualunquismo spinto.Anche a Fini va fatto lo stesso appunto: se si dicono cose così pesanti o si hanno le prove di quel che si asserisce,specie se si ricoprono incarichi Istituzionali, o si fa,appunto, la figura del quaquaraquà.Aspettiamo fiduciosi di ascoltare fatti e non pettegolezzi.

Come se non bastasse si aggiunge al coro il solito Fabio Granata,l’esponente più indegno del PdL che si spinge a dire.

«Ci sono pezzi dello Stato, del governo e della politica che fanno di tutto per ostacolare le indagini sulla strage di via D’Amelio e creare condizioni di delegittimazione della magistratura,mi riferisco certamente anche ad oggi»

Il ridicolo di cui si copre questo finto moralista è pari a quello di un Di Pietro qualunque,quindi non merita ulteriori approfondimenti,ma solo la nostra totale disistima,anche personale.

Per fortuna è intervenuto nuovamente il Capitano Ultimo che anche oggi,schifato dall’Antimafia di Professione che imperversa nelle tv e sui giornali (per le strade un pò meno) si è sentito in dovere di rispondere a tono a tutti gli sciacalli oggi in grande spolvero…consigliamo al Presidente Fini di ascoltare lui invece dei tanti cattivi consiglieri che lo stanno facendo deragliare verso il travaglismo più banale,e ne approfittiamo per dire che quando lui dice ”bisogna avere rispetto delle istituzioni, anche se in alcuni casi ci sono uomini che non sempre sono all’altezza del ruolo che ricoprono” siamo ,questa volta,assolutamente d’accordo…

Bookmark and Share

Advertisements
Explore posts in the same categories: Italia

2 commenti su “L’Uomo Qualunque”


  1. […] argomenti che i finiani agitano contro Berlusconi ed il PdL sono patetici. Ne abbiamo parlato qua, qua, qui e qui. Soprattutto non sono argomenti “di Destra”. Gianfranco Fini ed i suoi […]


  2. […] La Torre Normanna Bastione Lucano Liberal Conservatore « L’Uomo Qualunque […]


I commenti sono chiusi.


%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: