Noi,i ragazzacci del 93’…

Ma come?Voteresti per un Fascista?” Era la frase più gentile che in quel di Bologna ci sentivamo ripetere dai nostri politicamente corretti amici dell’Università.Altre volte erano solo sguardi tra l’ironico e lo spregiativo.Spesso si finiva per essere insultati.Ma ci aveva contagiato il sorriso maraglio ed ottimista ed un pò demodè,anni 80′,del Cavaliere che ci suggeriva,già allora,di rimanere sereni perchè l’amore vince sull’odio e sull’invidia.Si andava al Ballottaggio in quel di Roma ed a contendersi la Poltrona di Sindaco erano da una parte il giovane verde catto-comunista politicamente corretto e buonista Francesco Rutelli contro il camerata fascista Gianfranco Fini,dagli occhiali troppo grandi e scuri,tamarrissimo,alla Funari prima maniera.Noi,i ragazzacci fuori moda,fuori schema,fuori luogo…decidemmo per istinto.Dicemmo apertamente,sorridendo,che…anche noi preferivamo Gianfranco Fini a Francesco Rutelli.Decidemmo che era nato il Centro Destra.Decidemmo che i Muri erano caduti per tutti,non solo per alcuni.Decidemmo che dichiararsi di Destra,Conservatori e Liberali era finalmente possibile.Decidemmo che parlare di Patria,che parlare di Riforme era doveroso.Decidemmo che amare l’Italia non era un sentimento da nascondere perchè reazionario,vecchio o fuori moda o da tirar fuori solo quando gioca la nazionale di calcio.Decidemmo che era cominciata l’avventura che ci ha portati fino ad oggi

Bookmark and Share

Advertisements
Explore posts in the same categories: Italia

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: