Inutile criticare “Barbarossa” se a noi non rimane altro che la Monnezza

locandina_del_film_Barbarossa---01

Sta suscitando più di qualche polemica il Film “Barbarossa” ,diretto da Renzo Martinelli e collocato, come molti sanno, otto secoli fa, all’epoca della Lega Lombarda e della battaglia di Legnano.Barbarossa è interpretato addirittura dal Mito del Cinema Rutger Hauer.Alberto da Giussano, che lo vince a Legnano, da Raz Degan. Un ruolo non primario, quello dell’imperatrice Beatrice (la «bionda, bella imperatrice, la fida e pia» del “Parlamento” di Giosuè Carducci) è sostenuto da Cécile Cassel.

Cos’è successo?Molto semplice.Il Film è stato immediatamente “catalogato” come Film “leghista”!Addirittura l’attrice Cècile Cassel,sorella del più famoso Vincent, ha sentenziato:

«Se avessi saputo che era un film leghista», ha dichiarato in un’intervista a “Max”, «mi sarei rifiutata di farlo».

Nientedimeno…comunque a parte lo snobismo davvero stupido ed irritante e Radical-Chic di certi sedicenti “artisti” d’oltralpe,ben commentato qui,e di cui riportiamo un breve pezzo molto illuminante e condivisibile..

Insomma, è un’oca. Un’oca radical chic come la cognata Bellucci, come Fanny Ardant, non a caso recenti firmatarie di una supplica a favore di Roman Polanski. Della cognata Monica e della grande Fanny ho sempre pensato che con quelle bocche potevano dire tutto quello che volevano. Ma loro (della mia ammirazione e di quella di tanti altri) se ne sono approfittate. Tutte le volte che le aprono le splendide labbra per discorrere di cose che non siano strettamente professionali, proferiscono atrocità. E le proferiscono perché le hanno assimilate nei salotti parigini. Dove da decenni 1) I terroristi italiani non sono ritenuti assassini, ma patrioti in esilio 2) Berlusconi è un mercante di spazzatura televisiva che ha usurpato un potere politico che spettava sacrosantamente alla sinistra (dei Veltroni, dei Tabucchi e perché no? di Nanni Moretti); 3) la Lega di Bossi è un’organizzazione neonazista che s’è gemellata con la Carinzia. Cécile Cassel è cresciuta a questa bella scuola. Dove fra l’altro s’insegna anche l’ingratitudine.

…la cosa che ci ha fatto ancora più innervosire è stata la facile ironia di qualche italiano e di qualche meridionale,come se la Storia non fosse una storia di libertà,bella ed italiana e soprattutto come se fosse una vergogna rivendicarla e portarla sulle insegne del proprio Partito.

Alberto da GiussanoNoi non siamo d’accordo.Posto che ognuno si sceglie i propri simboli mi sembra esagerato sbeffeggiare un simbolo importantissimo per il Nord e per tutta l’Italia solo per antipatia politica nei confronti del Centro Destra italiano.Le attricette francesi,tronfie dell’ignoranza e della presunzione tipiche degli ambienti d’elite Parigini (ma anche purtroppo italiani) possono dire le sciocchezze che vogliono,a noi non fa nè caldo nè freddo.Alcuni quotidiani pur di trovare l’ennesimo spunto di polemica e di sberleffo possono anche denigrare una bella pagina di Storia.Ma noi Meridionali non possiamo permetterci di sbeffeggiare alcunchè.

Anche il SUD ,invece,avrebbe dannatamente bisogno di Simboli positivi,antichi,epici che possano essere di orgoglio e di esempio.Noi de La Torre Normanna una idea l’abbiamo avuta e la portiamo nel nome.Continuando così loro avranno “Barbarossa” e noi al massimo “Gomorra” o “La Piovra”…bella roba…Continuando a denigrare,insultare e prendere in giro chi ha il coraggio di scegliersi dei simboli leggendari, non facciamo una bella figura,anche perchè da un pò di tempo,non so se ve ne siete accorti, l’unica immagine conosciuta da tutti e che unisce l’intero Sud…è la Monnezza.

monnezza

Bookmark and Share

Annunci
Explore posts in the same categories: Sud Italia

2 commenti su “Inutile criticare “Barbarossa” se a noi non rimane altro che la Monnezza”

  1. Alfo Says:

    Cari ascari meridionali, la storia va pure studiata, spacciare le gesta di simboli puramente inventati per belle pagine di storia, uno sberleffo ci sta tutto!!! prrrrrrr ….la prossima volta anzichè sputare sulla vostra terra, prima di aprire bocca occorrerebbe sfogliare almeno i sussidiari delle scuole elementari


I commenti sono chiusi.


%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: