Ecco i “Lodi Alfano” negli altri Paesi

costituzioni a confronto

Quello che si voleva introdurre con il Lodo Alfano in Italia non era una Immunità come scorrettamente sono andati ripetendo i vari antiberlusconiani italiani ma semplicemente un “rinvio degli eventuali Processi a carico di chi è chiamato,con libere e democratiche elezioni,a guidare il Paese rivestendo una delle Alte Cariche Istituzionali.Si trattava di semplice rinvio dunque,non di Immunità o altro,ma tant’è.La cosa però che ha dato più fastidio è stata sentire dire che questa sarebbe stata una “anomalia” italiana rispetto alle leggi ed alle Costituzioni vigenti negli altri Paesi.Nulla di più falso.In tutti i Paesi esistono forme più o meno simili di “Immunità-Sospensione dei Processi-Garanzia” per chi viene eletto a seconda ovviamente della loro “organizzazione” istituzionale.Vediamo alcuni esempi:

COSTITUZIONE DEL REGNO DI SPAGNA
(27 dicembre 1978)

Articolo 71.
1. I deputati e i senatori godranno dell’inviolabilità per le opinioni espresse nell’esercizio delle loro funzioni.
2. Nel periodo del loro mandato i deputati e i senatori godranno inoltre dell’immunità, e potranno essere arrestati solo in caso di flagrante reato. Non potranno venir incriminati né processati senza autorizzazione della rispettiva Camera […].

Articolo 102.
1. La responsabilità penale del Presidente e degli altri membri del Governo sarà fatta valere, quando ne sia il caso, davanti alla Sezione penale del Tribunale Supremo.
2. Quando l’accusa sia di tradimento o di qualunque altro reato contro la sicurezza dello Stato nell’esercizio delle loro funzioni, la loro incriminazione sarà possibile solo per iniziativa di un quarto dei membri del Congresso e con l’approvazione della maggioranza assoluta di essi […].

Ancora:

COSTITUZIONE DELLA REPUBBLICA FRANCESE
(4 ottobre 1958)

Articolo 26.
Nessun membro del Parlamento può essere perseguito, ricercato, arrestato, detenuto o giudicato per le opinioni o i voti espressi nell’esercizio delle sue funzioni. Nessun membro del Parlamento può, nel corso delle sessioni, essere perseguito o arrestato per delitti o contravvenzioni senza l’autorizzazione dell’assemblea della quale fa parte, salvo il caso di delitto flagrante. Nessun membro del Parlamento può essere fatto oggetto, in materia penale o correzionale, di un arresto o di qualsiasi altra misura privativa o limitativa della libertà se non in base a un’autorizzazione dell’Ufficio di presidenza dell’assemblea alla quale appartiene. Tale autorizzazione non è richiesta in caso di flagranza nel crimine o delitto o di condanna definitiva. La detenzione, le misure privative o limitative della libertà o l’azione giudiziaria nei confronti di un membro del Parlamento sono sospesi per tutta la sessione se l’assemblea alla quale appartiene lo richieda […].

Articolo 68.
Il presidente della Repubblica non è responsabile degli atti compiuti nell’esercizio delle sue funzioni tranne in caso di alto tradimento. Può essere messo in stato d’accusa dalle due assemblee, mediante votazione di un’identica deliberazione a scrutinio pubblico e a maggioranza dei componenti. E’ giudicato dall’Alta Corte di Giustizia.

Articolo 68-1 (aggiunto il 27 luglio 1993).
I membri del governo sono penalmente responsabili degli atti compiuti nell’esercizio delle loro funzioni che sono qualificati crimini o delitti nel momento in cui sono compiuti. Essi sono giudicati dalla Corte di Giustizia della Repubblica. La Corte di Giustizia della Repubblica è legata sia dalla definizione dei crimini e dei delitti che dalla determinazione delle pene quali risultanti dalla legge.

Inoltre:

LEGGE FONDAMENTALE PER LA
REPUBBLICA FEDERALE DI GERMANIA
(23 maggio 1949)

Articolo 46.
1. Un deputato non può essere perseguito, in sede giudiziaria o disciplinare, né essere in genere chiamato a render conto fuori del Bundestag per le opinioni espresse e i voti dati al Bundestag o in una delle sue commissioni. Questa disposizione non si applica nei casi di diffamazione e ingiurie.
2. A causa di un’azione, per la quale è prevista una sanzione, un deputato, solo dopo l’autorizzazione del Bundestag, può essere chiamato a risponderne o essere arrestato, salvo che sia colto nell’atto di commettere il fatto o entro il giorno successivo […].

Più tanti altri esempi che potete leggere da soli.Quindi dire :“…non sono d’accordo,devono essere tutti uguali di fronte alla Legge…” è legittimo,è una opinione rispettabile anche se francamente non tiene conto della storia recente del Paese.Ben diverso è dire :”solo in Italia succedono queste cose!” come pure si è sentito non solo urlare nelle piazze mediatiche ma addirittura in Parlamento e nei soliti salottini “Ridicol”-chic,perchè qui rientriamo nel campo delle bufale anti-italiane in cui si sta specializzando l’opposizione in questo Paese.

Bookmark and Share

Annunci
Explore posts in the same categories: Bufale Sinistre

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: